Switch digitale terrestre, come farsi trovare preparati

Switch digitale terrestre, come farsi trovare preparati

L’attesa per l’arrivo dello switch off al nuovo digitale terrestre DVB T2 è quasi finita. L’unico problema però riguarda la possibilità di connessione con la propria Tv, una delle domande più comuni poste dagli utenti riguarda appunto il tema della compatibilità. Si tratta di un cambiamento importante per il mondo della tecnologia, si trova in procinto entro la metà del 2022. Quindi la risposta a come capire se il nuovo digitale terrestre è capace di supportare il DVB-T2.

Il presupposto più importante è che, in maniera grossolana, quasi tutti nel 2021 abbiamo in casa una Tv di ultima generazione. Se avete acquistato almeno un modello di TV rilasciato dopo il 1 gennaio 2017 allora rientrate nella categoria che ha la maggiore possibilità di connettere il nuovo digitale terrestre al proprio televisore. Già da quell’anno le Tv presenti in commercio erano equipaggiate da un sintonizzatore che consente il collegamento ai canali.

Ma se avete intenzione comunque di fare un’analisi per essere sicuri che il dispositivo sia in grado di eseguire le nuove funzionalità, allora non dovrete fare altro che eseguire un test per il DVB-T2 specifico. Si tratta di un’analisi decisamente semplice da fare, è semplicemente necessario collegarsi a determinati canali. A seconda di ciò che sarà mostrato sul display potrete agire di conseguenza.

Quali sono i canali per verificare la ricezione del segnale DVB T2?

I canali che vi permetteranno di fare il test del nuovo digitale terrestre DVB-T2 sulla Tv sono il 100 e 200 (come indicato qui), ovvero quelli appartenenti a Rai e Mediaset. Per un esito positivo, si vedrà un avviso che comunicherà lo stato di compatibilità del proprio televisore attraverso un messaggio HEVC Main 10. Nel caso in cui non compare nulla e il display appare di un colore nero, vuol dire che la Tv non è compatibile con il nuovo digitale terrestre.

Problemi di aggiornamento della sintonizzazione dei canali

Prima di trarre le conclusioni è necessario controllare la parte relativa alla sintonizzazione dei canali; spesso è necessario eseguire un aggiornamento dei canali per cercare di capire se il problema riguarda una semplice risintonizzazione. Dopo che avrete completato questo procedimento i canali specifici al test saranno presenti alla visualizzazione. Se dopo aver effettuato il processo di risintonizzazione dei canali non si ottiene il collegamento, lo schermo continua a rimanere nero, significa che il televisore non risulta compatibile con il nuovo digitale terrestre.

Dove visualizzare le Tv compatibili?

Il Ministero dello Sviluppo Economico per chiarire e facilitare la verifica di compatibilità delle Tv con il nuovo digitale terrestre, ha realizzato una vera e propria lista delle televisioni e dei decoder che sono predisposti alla compatibilità con il nuovo modello.

Come abbiamo detto nei paragrafi precedenti tutti coloro che hanno acquistato una Tv dopo il 1° gennaio 2017 hanno una sicurezza maggiore nel collegare la propria televisione al digitale.

Ovviamente i grandi marchi hanno realizzato le Tv già dotate di un sintonizzatore di canali più tecnologico, a differenza dei marchi meno conosciuti che, anche se hanno prodotto Tv nel 2017 potrebbero non riuscire a connettersi.

Tra i televisori che necessitano di un’integrazione con un decoder DVB-T2 vi sono:

  • •             Televisioni realizzate prima del 2010;
  • Tv appartenenti al periodo 2010-2014;
  •  televisori prodotte dal 2014 al 2015; questi dispositivi riescono a sostenere il DVB-T2, ma non l’ultimo modello ovvero Codec H265/HEVC.