ZenFone AR

Il debutto sul mercato di Lenovo Phab 2 Pro potrebbe esser replicato dall’avvento di un nuovo smartphone ASUS conforme ai dettami della tecnologia Project Tango. Trattasi nello specifico di ZenFone AR, come confermato da una recente intervista dall’addì della compagnia di Taiwan, Jerry Chen. La realtà virtuale è d’altronde un segmento in forte ascesa e, lato mobile, troverà giocoforza uno sviluppo sempre più costante. Il dirigente di ASUS non manca di snocciolare alcune peculiarità distintive del dispositivo: funzionalità avanzate, prestazioni pure e, soprattutto, un prezzo di listino competitivo. Un tris d’assi col quale la società taiwanese vuol aggredire il mercato e cavalcare l’onda del successo raggranellato con gli ultimi smartphone messi in commercio.

ZenFone AR sarà pertanto il secondo dispositivo a sfruttare la tecnologia Project Tango di Google dopo la strada tracciata in estate da Lenovo. I benefici di tale caratteristica possono essere racchiusi dalla presenza, <<sotto il cofano>>, di svariati sensori 3D, necessari per mappare l’ambiente circostante e sfruttare le informazioni così ottenute in applicazioni progettate ad-hoc per la realtà virtuale. Si potrà quindi ad esempio elaborare modelli 3D di oggetti, oppure sfruttare la detta tecnologia per arredare casa e, dunque, capire l’esatto posizionamento di mobili o complementi d’arredo.

Un rivale indubbiamente quotato per Lenovo Phab 2 Pro, presentato nel corso della suggestiva cornice del Tech World 2016 e già in debutto sul mercato statunitense all’interessante prezzo di listino di 499 dollari (negli altri paesi internazionali arriverà soltanto ad inizio 2017). ZenFone AR potrebbe in fondo non discostarsi da queste cifre ma per saperne di più dovremo attendere il prossimo anno: lo smartphone ASUS di cui trattasi dovrebbe con ogni probabilità veder la luce in occasione del CES 2017 in scena a Las Vegas. ASUS sposa dunque il progetto Tango, con la realtà virtuale a far da padrone e caratterizzare il primo dispositivo del brand taiwanese per il 2017.

via

CONDIVIDI