xiaomi-mi-band

Un portavoce Xiaomi ha dichiarato che l’azienda ha venduto più di 6 milioni di unità di Mi Band grazie anche alla collaborazione con la start-up Huami che ha prodotto il tracker di fitness e che ne ha permesso il prezzo di vendita sui 12 dollari americani.

Mi band non solo effettua il monitoraggio dei vostri allenamenti, misura anche il sonno, per farvi assicurare di dormire abbastanza ed è dotato di un chip Bluetooth molto potente che gli permette di scaricare i dati sullo smartphone, inoltre, dato importate, ha una durata 30 giorni con una sola carica e può agire anche come sveglia.

Grazie ad Mi Band, la IDC afferma che Xiaomi è ora il secondo più grande fornitore di dispositivi indossabili al mondo, con il 24,6% del mercato, percentuale che dovrebbe crescere con l’uscita di un futuro SmartWach Xiaomi. Anche in questo caso verrà prodotto in partnership con Huami e si prevede che sia caratterizzato da un quadrante rotondo e da uno spessore minore rispetto alla media dei dispositivi attuali.

Sia il presidente Lin Bin che il suo vice Hugo Barra dicono che l’esperienza utente sullo smartwatch Xiaomi sarà la migliore, discorso un tanti no di parte e anche ovvio se vogliamo; attendiamo dunque ulteriori notizie in merito allo smartwatch Xiaomi e alla seconda versione di Mi Band che dovrebbe avere anche un chip NFC. Rimanete collegati!

CONDIVIDI
Articolo precedenteUn Apple Watch Edition da 10mila dollari tra due enormi magneti. Che fine farà?
Prossimo articoloLG G4 con problemi al touch? Ecco come scoprirlo