Xiaomi Redmi 4

Dopo una lunga fase di stallo protrattasi ormai sin dal periodo estivo, il discorso inerente Xiaomi Redmi 4 è finalmente giunto ad un punto di svolta. La presentazione ufficiale del nuovo smartphone Android cinese di fascia media avrà luogo nel corso della giornata di domani (giovedì 4 novembre 2016, ndr), come anticipato da un teaser dell’ultima ora. Xiaomi è dunque pronta a rimpolpare il segmento dei medio gamma, dopo aver conquistato consensi in fasce più blasonate (e maggiormente costose) capitanate per l’occasione da Mi Note 2 e, soprattutto, lo sfruculiante (ma delicatissimo) Mi MIX, il primo phablet quasi edge-to-edge.

Ritornando ad ogni modo in argomento, Xiaomi Redmi 4 è praticamente ormai in tutte le sue caratteristiche portanti e l’immagine odierna non fa altro che confermare i render anticipati dalla certificazione TENAA dei giorni scorsi. Xiaomi ha voluto, in particolare, porre l’accento su bordi laterali praticamente assenti, oltre che dell’ormai immancabile presenza del vetro 2.5D ad impreziosire i quattro bordi principali del dispositivo. Insomma, una costruzione che si preannuncia certosina ed un aspetto estetico indubbiamente gradevole, anche e soprattutto se teniamo bene a mente il prezzo di listino (contenuto) che contraddistinguerà il prossimo smartphone Xiaomi.

Non meno curata ed anzi valida è anche la scheda tecnica. Xiaomi Redmi 4 è strutturato dalla presenza di un display da 5 pollici a risoluzione Full HD (1920 x 1080 pixel), sotto al quale spicca il processore Snapdragon 625, impiegato anche su Asus Zenfone 3, Huawei Nova e Lenovo Moto Z Play e fortemente apprezzato per via dell’ottimo compromesso in termini di consumi e potenza. Il chipset sarà poi accoppiato da 3 gigabyte di memoria RAM, 32 gigabyte di spazio di archiviazione interno, batteria da 4.000mAh e fotocamere da 13 e 5 megapixel. Il prezzo di listino di Xiaomi Redmi 4 dovrebbe con ogni probabilità esser di 1299 Yuan cinesi, dunque circa 172 euro. Vedremo ad ogni modo domani quali saranno gli ultimi dettagli e cosa avrà in serbo Xiaomi per la fascia media del mercato mobile.

via