Xiaomi Mi A2 confermato: sarà un nuovo smartphone Android One

Xiaomi Mi A2 confermato: sarà un nuovo smartphone Android One

Sono trascorsi ormai diversi giorni dalla presentazione di Mi 6X, terminale di fascia medio-alta che dovrebbe far da rimando, sulla falsariga di quanto occorso durante lo scorso anno, alla presentazione del nuovo smartphone Android One del produttore cinese. Benché non ancora confermato, l’appellativo commerciale del dispositivo dovrebbe corrispondere al nome di Xiaomi Mi A2, nel tentativo di disegnare idealmente una sorta di continuità con il progetto ufficializzato lo scorso anno e destinato ad inverarsi anche in questo 2018, in virtù delle parole proferite qualche giorno or sono dall’amministratore delegato di Xiaomi, Lei Jun.

Il rapporto di collaborazione tra il produttore cinese e Google è dunque in pieno fermento e Xiaomi Mi A2 potrebbe stagliarsi addirittura sul mercato come miglior smartphone Android One in commercio, specie in relazione all’immancabile rapporto qualità-prezzo che da sempre contraddistingue ogni terminale della società di Shenzhen. L’ossatura portante del dispositivo dovrebbe infatti esser strutturata secondo i dettami dell’attuale Mi 6X, sia in termini meramente estetici che di componentistiche hardware, sulla scorta di quanto occorso proprio lo scorso anno con il connubio strettissimo tra Xiaomi Mi 5X e, per l’appunto, l’ormai storico Xiaomi Mi A1.

Dell’esistenza del modello di nuova generazione parla anche la community di XDA Developers, che in questi mesi ha offerto un contributo importante nell’abbozzare le varie caratteristiche degli smartphone destinati a fare il loro ingresso sul mercato. La fonte, da sempre vicina al mondo del modding, è addirittura entrata in possesso del firmware di sviluppo di Xiaomi Mi A2, e questo può sostanzialmente esser letto in due diversi modi: in primo luogo, l’esistenza del dispositivo è pressoché scontata (il produttore cinese sta d’altronde già realizzando il firmware del suo nuovo smartphone), e in seconda battuta è intatta anche la natura del progetto in serbo da Xiaomi, ossia quello di lanciare sul mercato un nuovo smartphone Android One. Al quale dovrebbe presto far seguito anche un modello iscritto all’interno della gamma Redmi, come precisato proprio in questi giorni dall’amministratore delegato Lei Jun.

Gli indizi sono insomma inequivocabili, ad incominciare dal nome tecnico col quale Xiaomi Mi A2 sarà conosciuto internamente dagli sviluppatori: jasmine_sprout. Una accezione, quest’ultima, che indica da un lato il nome vero e proprio del terminale (ossia “jasmine”, ricordando che il vecchio Mi A1 era invece conosciuto come “tissot”) e, soprattutto, dall’altro, la presenza a bordo di tutte le novità di Android One, ad incominciare da Android stock e senza troppi fronzoli: in quest’ultimo caso, il rimando inequivocabile è dato proprio dalla dicitura “sprout”, la stessa che, come suggerisce la redazione di XDA Developers, ha contraddistinto anche il modello di generazione precedente (conosciuto per l’appunto come “tissot_sprout“).

La fonte in questione va ad ogni modo ancora oltre, snocciolando dettagli importanti a favore dell’esistenza del nuovo smartphone Android One di Xiaomi. Dal firmware trapelato in anteprima non ci sono infatti segnali di una personalizzazione tipica della MIUI, così come non sembrano esser presenti applicazioni che il produttore cinese è solito installare su tutti i suoi smartpone. Altre sottolineature di non poco conto, stavolta un po’ più tecniche, fanno leva sul framework di Android, SystemUI e tutte le applicazioni di sistema, basate sia su Android stock che su quelle presenti sugli altri smartphone Android One in commercio. Infine, una ulteriore aggiunta che sarà senz’altro applaudita dagli sviluppatori: il dispositivo ha partizioni A / B per supportare i cosiddetti Seamless Update (letteralmente, aggiornamenti senza interruzioni) e Project Treble nativo. Quest’ultimo frangente conferma che la versione software installata a bordo è Android Oreo (da valutare se contraddistinta dal numero 8.0 od 8.1).

E le caratteristiche tecniche? La fonte si limita a riassumere la scheda tecnica di Xiaomi Mi A2 condensandola nel nome di un altro dispositivo Xiaomi: Mi 6X. Al di là delle mere congetture e della storia tipica di Xiaomi Mi A1 (la cui base portante è per l’appunto contrassegnata dal vecchio Mi 5X), sono eloquentissimi alcuni rimandi contenuti nel firmware di sviluppo in possesso dalla redazione di XDA Developers. C’è ad esempio spazio per il processore, ossia lo Snapdragon 660 di Qualcomm, così come per una fotocamera frontale da 20 megapixel con sensore Sony IMX376, per inciso la stessa presente proprio su Mi 6X. Le due affinità potrebbero insomma continuare, e in tal senso è facile intuire che Xiaomi Mi A2 sarà caratterizzato dalla presenza di 6 gigabyte di memoria RAM, almeno 64 gigabyte di spazio di archiviazione interno, display da 5.99 pollici di tipo IPS con rapporto di aspetto in 18: 9 e risoluzione Full HD+ e, soprattutto, fotocamera principale in configurazione doppia con apertura focale f/1.75. E proprio il comparto fotografico dovrebbe esser il fiore all’occhiello del nuovo smartphone Android One di Xiaomi, seppure sdoganato dalla tecnologia di Intelligenza Artificiale tipica di Mi 6X.

Insomma, il discorso è ormai impostato e sembra esser certa la presentazione ufficiale di Xiaomi Mi A2. La speranza è che il produttore cinese possa tirar fuori presto il suo ennesimo dispositivo, anche se potremmo a conti fatti attendere il corso del periodo estivo: il precedente Mi A1 venne infatti ufficializzato soltanto lo scorso settembre.

FONTE: XDA Developers