Xiaomi Mi 5S Xiaomi Mi5S

Xiaomi Mi 5S rappresenterà, di concerto con il phablet dual-Edge Mi Pro, una delle ultime proposte top di gamma del 2016 dell’azienda capitanata da Lei June. Strutturato secondo i paradigmi estetici del già commercializzato Mi 5, lo smartphone Android in questione avrà il compito di alzar ulteriormente l’asticella delle potenzialità e <<forza bruta>>, in ossequio ad un mero aggiornamento delle principali specifiche tecniche incastonate sotto <<il cofano>> in metallo.

Un modello insomma di transizione, sebbene non manchino novità di rilievo. Sì, perché in attesa della certificazione dell’ente governativo cinese TENAA – passaggio obbligato ed utile per decretare l’ufficiosità del novero delle componentistiche hardware – possiamo brevemente abbozzare una primaria scheda tecnica, condensata all’interno di una immagine leaked apparsa in queste ore ed ancora da verificare nella sua veridicità. Xiaomi Mi 5S dovrebbe segnar l’esordio del 3D Touch, abilitato via software dal produttore cinese e adesso pronto ad esser sfruttato mediante hardware ad-hoc: una caratteristica quest’ultima più volte ipotizzata esser presente su Xiaomi Mi Pro (o Mi Note 2, che dir si voglia) e chissà che entrambi i dispositivi non possano segnar ufficialmente l’ingresso della tecnologia di riconoscimento dei diversi livelli di pressione esercitati sul display anche sugli smartphone dell’azienda cinese.

Lo smartphone manterrà il medesimo display sia per ampiezza che risoluzioni – 5.15 pollici Full HD (1920 x 1080 pixel) – mentre tra le specifiche hardware rivisitate spicca l’accoppiata Snapdragon 821 (un aggiornamento dell’attuale 820) e 6 gigabyte di memoria RAM LPDDR4 con frequenza operativa da 1866MHz. Intatto lo storage di tipo UFS 2.0 (seppur ritoccato al valore di 256GB di spazio di archiviazione), così come lo slot USB Type-C, lettore di impronte digitali e supporto NFC. Le migliorie di Xiaomi Mi 5S abbracceranno tuttavia altri due comparti di rilievo: il rimando va, nello specifico, alla batteria da 3.450mAh con tecnologia di ricarica rapida Qualcomm Quick Charge 3.0 e, soprattutto, fotocamera principale da 16 megapixel impreziosita da apertura focale f/1.8 (l’attuale Mi 5 vanta un sensore da 16 megapixel Sony IMX298, lo stesso di OnePlus 3, ASUS ZenFone 3 e Huawei Mate 8).

Insomma, una scheda tecnica indubbiamente interessante, in attesa di poter decretare l’ufficialità con la certificazione dello smartphone presso l’ente governativo cinese TENAA.

via

CONDIVIDI
Articolo precedenteDeus Ex Mankind Divided: miglioramenti esclusivi per PS4 Pro
Prossimo articoloLoewe TV OLED: ecco come si realizza un televisore [Video]