Un paio di settimane fa, avevamo riportato la notizia su un accordo tra Samsung e case produttrici cinesi, quali Xiaomi, Huawei e Vivo; l’accordo in questione prevede che il colosso sudcoreano diventi il fornitori di pannelli dai bordi curvi che verranno implementati sui prossimi dispositivi delle aziende sopracitate.

Dopo la vera e propria missione- di cui Samsung ha rappresentato un instancabile pioniere, dapprima con il Galaxy Note Edge, dopodiché realizzando una o più varianti di Galaxy S dai bordi curvi ogni anno, a partire dalla scorsa generazione- nel campo dei cosiddetti display dual-edge, altri produttori hanno deciso di unirsi alla mischia, uno tra tutti Vivo con il suo recentissimo Xplay 5.

xiaomi

I rumor sull’accordo sopracitato si sono rivelati del tutto pertinenti e la prossima ad implementare su un dispositivo un pannello by Samsung sembra essere proprio Xiaomi. Sembra che Xiaomi Mi Note 2 sarà il prossimo dispositivo che vedremo sul mercato con un display dual-edge fornito dal colosso sudcoreano. La scorsa generazione di Mi Note ha, da qualche mese, superato la soglia del primo anno di vita, e verrà aggiornato a breve col successore che monterà presumibilmente proprio un pannello di questo tipo.

Uno degli ulteriori produttori ad essere inclusi nell’accordo è Huawei, che introdurrà i display di Samsung sui dispositivi di punta, dal momento che i pannelli in questione non sono economici; si tratterà probabilmente di un futuro dispositivo appartenente alla gamma Mate, forse il successore stesso di Mate S. D’altra parte, però, Huawei P9 verrà lanciato tra meno di un mese e, mentre i leak della parte posteriore del terminale e della doppia fotocamera sono stati innumerevoli, la parte anteriore è trasparita soltanto tramite un singolo render e mai fotografata dal vivo. Che possa essere accompagnato da un pannello Samsung dual-edge?

Non abbiamo notizie certe su quanto detto poc’anzi, ma siamo fiduciosi di aspettarci la concretizzazione di questo accordo in Xiaomi Mi Note 2.

CONDIVIDI
Articolo precedenteBlackBerry Priv, la sicurezza prima di tutto (e degli altri)
Prossimo articoloCome personalizzare le Reactions Facebook