A distanza di soli 15 giorni dal precedente rilascio, arriva un nuovo aggiornamento cumulativo da parte di Microsoft per il proprio sistema operativo: Windows 10 build 10586.104 è disponibile infatti da alcune ore per tutti coloro che dispongono di una versione “stable” di Windows 10.

Attraverso il download dell’aggiornamento cumulativo KB3135173, Windows 10 riceve diverse correzioni, miglioramenti della stabilità, della sicurezza e dell’esperienza d’uso per gli utenti.

Questo il changelog completo di Windows 10 build 10586.104:

  • Fix per l’autenticazione, installazione update e del sistema operativo.

  • Fix per la navigazione anonima su Microsoft Edge che conservava la cache

  • Fix bug che non permetteva il download simultaneo dal Windows Store

  • Fix disponibilità ritardata delle canzoni in Groove Musica su Windows 10 Mobile

  • Migliorata la sicurezza di Windows kernel

  • Fix possibile falla che permetteva l’esecuzione di malware in remoto

  • Fix  possibile falla che permetteva l’esecuzione di codice malevolo su Internet Explorer 11 e Microsoft Edge

  • Fix vari per Windows UX, Windows 10 Mobile, Internet Explorer 11, Microsoft Edge e taskbar

  • Fix vari per .NET Framework, Windows Journal, Active Directory Federation Services, NPS Radius Server, kernel-mode drivers eWebDAV

Contestualmente al rilascio dal nuovo aggiornamento cumulativo, Microsoft ha realizzato una pagina ufficiale nella quale sono elencate le cronologie degli aggiornamenti distribuiti attraverso Windows Update. Purtroppo la pagina attualmente è disponibile solo in Inglese ma a breve sicuramente arriverà anche la versione localizzata per il nostro Paese.

Ricordiamo che l’aggiornamento KB3135173 non è scaricabile da coloro che dispongono di una versione di Windows 10 Insider Preview, mentre per tutti gli altri, sarà possibile effettuare il download e l’installazione accedendo alle Impostazioni -> Aggiornamento e sicurezza -> Windows Update.

CONDIVIDI
Articolo precedenteMeizu Pro 5 in offerta a soli 499 su Gli Stockisti
Prossimo articoloSicurezza Internet, problemi per un cittadino europeo su quattro