supporto WhatsApp

Da un po’ di settimane stanno circolando online numerose indiscrezioni riguardanti l’arrivo di nuove funzioni per WhatsApp, specie per quella che consente di cancellare dalla vista del destinatario un messaggio appena inviato.

Questa funzione prende il nome di “Revoca” ed è stata scoperta dallo staff di WaBetaInfo che, notando la presenza del suo funzionamento nella sezione FAQ (Domande Frequenti) del sito ufficiale di WhatsApp, ha ovviamente dedotto e annunciato il suo rilascio ormai imminente.

Tramite la funzione Revoca sarà possibile richiamare un messaggio specifico sia dalle conversazioni individuali sia dai gruppi, ma sarano disponibili solo cinque minuti per cambiare idea, dopodiché non sarà più possibile cancellare il messaggio inviato. Ad ogni modo tale lasso di tempo è più che sufficiente per eliminare tempestivamente un messaggio inviato per errore ad un destinatario anziché un altro.

Da ciò che è emerso nella sezione FAQ rilasciata in anticipo dal colosso di Menlo Park è stato quindi possibile realizzare una breve guida in attesa dell’arrivo dell’utilissima funzione:

Come revocare i messaggi inviati:

  • Aprire l’applicazione WhatsApp e recarsi nella conversazione dalla quale si desidera revocare un messaggio.
  • Selezionare il messaggio da revocare tenendo premuto sul fumetto.
  • A questo punto si aprirà un menù: basterà toccare la voce “Revoca”.
  • Sia il mittente sia il destinatario vedranno comunque il seguente avviso: “Questo messaggio è stato revocato”.
  • Affinché la funzione Revoca possa funzionare al 100% sia il mittente sia il destinatario dovranno disporre della versione più recente di WhatsApp. Nel caso in cui il destinatario abbia ancora installata la versione precedente di WhatsApp la funzione non sarà supportata e conseguentemente potrà visualizzare il messaggio, mentre al mittente non arriverà la notifica dell’avvenuta revoca.
FONTETechWeez.com
CONDIVIDI
Articolo precedenteAggiornamento ZenFone 3 Zoom in arrivo: Android Nougat e nuova interfaccia con Google Now
Prossimo articoloSi allunga la lista di sanzioni contro Google: maximulta da 2,4 miliardi dall’UE