whatsapp

WhatsApp non ha mai dato la possibilità di inviare link per invitare ai gruppi creati, e a meno che non si era modificata la app grazie ad alcuni imbrogli di root, non si potevano emettere collegamenti a nessun gruppo.

whatsapp

Ora la funzione è possibile per tutti, con la versione Whatsapp Beta 2.16.281 della app. Se sei l’amministratore di un gruppo di WhatsApp, quando vai ad aggiungere un nuovo partecipante alla chat, si avrà una nuova opzione invito a gruppo di collegamento in cima alla vostra lista di contatti. Toccando si apre una nuova schermata con il link unico per la chat, che è possibile condividere via WhatsApp. Una scorciatoia molto utilie e rapida, che aspettavamo tutti con impazienza.

Nascosto sotto il menu di overflow ci sono due opzioni ancora più utili: la stampa di un codice QR con il link alla chat e scrivere il link a un tag NFC.

Se non vi è chiaro il motivo per cui una tale funzione sarebbe importante, pensate ad aziende o a grandi gruppi come studenti o squadre sportive in cui si desidera rendere il più veloce possibile, l’aggiunta di molti membri alla chat. Invece di admin dover prendere il numero di telefono di ogni persona, creare un contatto, attendere che appaia all’interno di WhatsApp, poi aggiungerli manualmente al gruppo, adesso devono stampare un codice QR o scrivere un tag NFC, o forse inviare il link a tutti, e sarebbero in grado di unirsi immediatamente.

Un’altra caratteristica molto piccola è apparsa in questa beta: un pulsante rapido in avanti accanto a tutti i media condivisi. Tutte le immagini, i video, GIF (sigh), e link, avranno una freccia curvata accanto a loro che le rendono super facili da inviare a un’altra conversazione su WhatsApp. Questo è più veloce e più visibile di dover toccare e tenere premuto sul messaggio, quindi selezionare in avanti dalla barra superiore.

Entrambe queste caratteristiche sono disponibili nella versione v2.16.281 di WhatsApp, che si può scaricare da APK mirror o unirsi alla versione beta sul Play Store e diventare un beta tester, restando in attesa che l’applicazione venga aggiornata ufficialmente.

 

CONDIVIDI