casinò

Spesso negli ultimi decenni il termine casinò è stato usato in modo “dispregiativo” e, quindi, accostato impropriamente a “vite alternative”: invece, un’interessante riflessione porta i casinò ad essere una specie di “cartina tornasole” relativamente all’economia di uno Stato. Certamente, quando si parla di giocare al casino online bisogna distinguere quelli statunitensi che sono assai diversi per offerta e per organizzazione e proprietà, da quelli invece europei, italiani oppure asiatici, e anche da fattori interni ed esterni che ne determinano l’andamento in modo importante. Per restare, quindi, nell’estremo est del mondo si può riscontrare tra l’andamento dei casinò e quello economico una strana correlazione. Gli strepitosi risultati delle Case da Gioco di Macao hanno reso l’ex colonia portoghese, oggi provincia della Cina, la nuova capitale del gioco d’azzardo… superando di gran lunga Las Vegas.

Il segno “+” era normale per quei casinò e l’incremento era quasi sempre in doppia cifra. La “festa” però è finita e si sono registrate da tempo perdite che farebbero tremare i polsi ai casinò italiani anche se il loro “esistere” è sempre più precario. L’economia cinese, però, continuava a tirare, ma questa correlazione inversa è durata assai poco ed il momento di crisi è arrivato trascinando al ribasso le quotazioni borsistiche. Si potrebbe invece fare un ragionamento inverso e vedere nella ripresa dei casinò un timido segnale di tipo “complessivo” e ipotizzare che i buoni risultati ottenuti dalle case da gioco tricolori siano qualcosa di più di una casuale “botta di fortuna”, ma una leggera ripresa per tutta l’economia italiana.

CONDIVIDI
Articolo precedenteUncharted 4 A Thief’s End, ufficializzata la data di rilascio della versione beta
Prossimo articoloFootball Manager 2016 è disponibile anche per Ubuntu