lifelog

Sony Mobile ha pubblicato una divertente infografica basata sui dati di Lifelog raccolti tra Aprile 2014 e Febbraio 2015.

Sony ha pubblica attraverso una infografica, i dati degli utenti raccolti dall’applicazione di monitoraggio Lifelog nei periodi compresi tra Aprile 2014 e Febbraio 2015. Lifelog è l’applicazione per dispositivi Sony SmartWear che consente di registrare ogni aspetto della propria giornata – dall’attività fisica alle comunicazioni, passando per l’intrattenimento – e di impostare obiettivi giornalieri e verificarne i progressi.

Analizzando i dati ricavati dall’utilizzo di Lifelog, Sony Mobile ha potuto tracciare un profilo degli utenti, riassumendone le abitudini ed evidenziando alcune tappe della loro “giornata tipo”.

Lifelog

Dalla infografica emorgono interessanti dati:

  • I Lifelogger sono mattinieri (il 40% di loro si alza prima delle 6) e non si concedono più di 6 ore di sonno per notte.
  • Hanno percorso più di 39 milioni di miglia, pari a 75 volte la distanza tra la Terra e la Luna e 1600 giri attorno al mondo.
  • Sono amanti della corsa, durante la quale il contatore ha registrato più di 6,5 miliardi di passi che corrispondono ad un viaggio di 2,9 milioni di miglia: se continueranno così, i Lifelogger riusciranno a battere di 17 anni il primato di Tom Stuker, che in 20 anni ha accumulato 10 milioni di miglia aeree.
  • Grazie a tutta questa attività sportiva, si sono mantenuti in forma, bruciando 354 milioni di calorie…tante quante quelle contenute in ben 696,850 Big Mac!
  • I Lifelogger sono anche amanti della fotografia: con le stampe dei loro 79 milioni di scatti sarebbe possibile ricoprire la superficie della città di Barcellona non una, ma ben 200 volte!
  • Dopo una giornata così intensa non sorprende scoprire che gli attivissimi Lifelogger preferiscono andare a letto presto (il 61% prima delle dieci)… per recuperare le energie per affrontare al meglio un altro giorno.
CONDIVIDI
Articolo precedenteUber vuole arruolare 1 milione di donne al volante per il 2020
Prossimo articoloTwitter compra Periscope spinge sui video per le dirette