Siri è utile ma è anche molto ciarliera, e talvolta rivela i dati personali con una certa disinvoltura; e intendiamoci, è una feature, non un bug. Qualche volta, tuttavia, può essere sfruttata da un malintenzionato per rivelare informazioni su di noi che preferiremmo tenere private, come ad esempio l’ultimo bug scoperto in iOS 9.3.1. Con questo bug, qualcuno in possesso del vostro iPhone potrebbe entrare nei vostri contatti o le foto senza dover digitare o sbloccare il codice di accesso. Il bug riguarda i modelli Apple iPhone 6S e Apple iPhone 6S Plus, che sono impostati in modo da consentire a Siri di cercare il loro account sulle App di Twitter e Foto.

Per vedere il difetto in azione, aprire Siri e chiedere di fare una ricerca su Twitter. I risultati della ricerca contengono dati trovati in contatti, come un indirizzo di posta elettronica, utilizzando il Touch 3D  per “Aggiungere a contatto”. Non solo questo fa apparire la lista dei contatti, tale elenco può essere utilizzato anche per accedere alle foto sul telefono.

È possibile evitare che ciò accada, disabilitando Siri all’integrazione di Twitter e Foto. Tutto quello che devi fare è andare su:

  • Impostazioni>
  • Twitter
  • Disabilitare Siri
  • Impostazioni>
  • Privacy>
  • Foto
  • Disabilitare Siri.

Si segnala che la prima volta che si utilizza Siri nella ricerca di Twitter, si dovrà verificare che si è proprietari del telefono tramite un corretto codice di accesso di ingresso, oppure utilizzando touch ID. Una volta che è stato completato,  il bug sarà in grado di entrare automaticamente in contatti e foto utilizzando la falla come si vede nel video qui sotto.

Il procedimento per evitare questo quindi, è molto semplice, ed è sempre meglio proteggere il nostro smartphone bloccando tutti i malintenzionati che vogliono accedere ai nostri dati, proprio su un sistema che della sicurezza e della privacy, ha il suo marchio di fabbrica.

CONDIVIDI
Articolo precedenteBill Gates e Mark Zuckerberg: per il successo non serve l’Università
Prossimo articoloGoogle Maps 9.3, arrivano download automatici delle mappe e molto altro