Dopo Foodora, Just Eat e Deliveroo, ora è anche disponibile UberEats, l’applicazione per ordinare cibo a domicilio disponibile a Milano, che prevede di attivarsi presto anche a Roma, secondo quanto sostenuto da LinkedIn.

L’azienda specializzata nel car sharing è da poco entrata nel settore del food delivery grazie alla nuova app UberEats, la quale si affaccia a Milano, la 44esima città nel mondo ad adottarne i servizi di cibo a domicilio consegnato su due ruote, la quinta città in Europa e la prima in Italia.

Il servizio Uber stavolta lascia a casa le auto, difatti i corrieri effettueranno le consegne in sella a una bicicletta o a uno scooter.

Carlo Tursi, general manager di Uber Italia, nel corso di un’intervista al Sole24Ore, ha spiegato che la nuova piattaforma lavora su un modello diverso rispetto alle altre aziende che si occupano di food delivery: “Uber mette a disposizione una piattaforma, non paga i corrieri. I corrieri vengono pagati dai ristoranti attraverso la piattaforma, sulla base delle consegne che effettuano e della distanza che percorrono. Uber trattiene per sé una percentuale (dal ristorante)”.

Il funzionamento di UberEats è molto semplice: tramite l’applicazione sarà possibile scegliere ed ordinare i pasti dal menu, che verranno consegnati dai corrieri su due ruote.

Il settore alimentare online sta crescendo in maniera esponenziale e promette una vera e propria rivoluzione nelle nostre città. Un aumento del 30% secondo il Politecnico di Milano, per un giro di affari di 575 milioni di euro, sui 20 miliardi totali del commercio elettronico.