tumblr

Un analisi condotta dalla Studio Globalweb, svela che i giovani amano i social network Tumblr e Pinterest, mentre Facebook è il preferito dei più anziani.

Il social network è in continua evoluzione, come dimostrano le tante novità introdotte da poco o che arriveranno nei prossimi mesi dai più importanti social, quali Facebook, Twitter, Google+, ma un analisi condotta dalla società Studio Globalweb, svela interessanti novità e mutamenti nelle preferenze degli utenti dei social.

Facebook continua a dominare il panorama

L’analisi conferma una delle poche certezze riguardanti il settore dei social network: Facebook è il re assoluto del settore, con una media di 4 navigatori su 5 ed addirittura paesi dell’America Latina con il 93% degli utenti, che dispongono di un account su social network di Mark Zuckerberg. Seguono ad enorme distanza YouTube e Google+ che comunque vantano una media di un navigatore su tre con un account attivo. A breve distanza dai due social Google, troviamo poi Twitter con il 55% di penetrazione globale, seguito da Instagram, LinkedIn, Pinterest con un 15% del mercato e con poco meno del 10% chiudono la classifica Tumblr, Badoo e Myspace.

L’analisi indica inoltre un importante incremento di utenti per quanto riguarda Tumblr, acquisito lo scorso anno da Yahoo! e Pinterest, che vantano rispettivamente un +120% ed un +111%, per quanto riguarda gli iscritti rispetto lo scorso anno.

Tumblr e Pinterest i preferiti dei giovani

Proprio i due social in forte ascesa, Tumblr e Pinterest, possono vantare gli utenti più giovani in assoluto, con il 70% degli iscritti con un età compresa tra i 16 ed i 34 anni.

L’analisi condotta dalla Studio Globalweb, curiosamente, indica Facebook come il social network preferito dagli utenti più “anziani”, con un quanto degli iscritti sopra 45 anni ed addirittura un terzo trimestre dell’anno in negativo (-0.5%) per quanto riguarda gli utenti attivi tra i 16 e i 24 anni.

E voi quale social network preferite, e perché? Aspettiamo i vostri commenti e giudizi a riguardo!

CONDIVIDI
Articolo precedenteTZOA, il wearable che ti dice dove trovare aria pulita
Prossimo articoloMicrosoft cerca candidati per lo sviluppo di un’esperienza d’uso che abbandoni “gli schermi di piccole dimensioni”