Truffa WhatsApp vincere iPhone

Un voucher Ikea dal valore nominale di cinquecento euro sull’unghia pronto ad esser speso in uno dei punti vendita – ivi compreso lo shop online – della rinomata multinazionale svedese specializzata nella vendita di mobili. Ma non ricorda qualcosa? Il rimando va subito ai casi esplosi nel corso di questi ultimi mesi, aventi ad oggetto buoni sconto H&M, Zara e persino iPhone 6S. Il meccanismo è d’altronde il medesimo, giacché verte su un quanto meno sospetto – in questo caso ancor di più – messaggio apparso su WhatsApp che può essere assimilato ad una vera e propria <<catena di Sant’Antonio>>.

Il lupo perde il pelo ma non il vizio, verrebbe quasi da dire, ed i promotori dell’ennesima truffa hanno evidentemente lasciato trascorrere qualche mese prima di poter tentare una nuova incursione. Ad esser suo malgrado protagonista è stavolta Ikea, che a detta del messaggio starebbe organizzando una iniziativa promozionale con in palio 150 voucher dal valore di cinquecento euro. L’occasione della vita per chi vuol cambiare il mobilio del proprio appartamento. Ma gli autori del raggiro su WhatsApp sembrano stavolta aver perso il loro smalto.

Basti semplicemente leggere il messaggio per capire che il voucher Ikea è una vera e propria <<bufala>>. Si legge testualmente che <<IKEA si sta espandendo ad Rome>>, ed in tal senso è evidente la stortura probabilmente frutto di un errore del traduttore automatico. Analoga sorte anche per quanto concerne il valore del premio, scritto in <<EUR500>>. Insomma, tanti segnali che dovrebbero portar l’utente a riflettere, ma il rischio di cadere nella trappola adescata dai promotori della truffa WhatsApp è ad ogni modo presente. Ed è proprio per questo che vale la pena rammentare i soliti consigli: non aprire alcun link contenuto nel messaggio relativo al voucher Ikea, e soprattutto comunicare agli amici e conoscenti della presenza della nuova truffa che sta circolando a mezzo mobile.

CONDIVIDI
Articolo precedenteNintendo NX, in progetto un nuovo gioco di guerra
Prossimo articoloTwitter: alla luce una botnet per Android che ne sfrutta gli utenti