Gli smartwatch sono uno dei gadget del momento, ma spesso il design proposto dai produttori di indossabili, non incontra il favore degli utenti, in particolare di quelli che hanno fatto degli orologi una vera passione e che non rinuncerebbero mai alla linea di un orologio classico. La soluzione al problema arriva grazie a Chronos, un dispositivo formato da un dischetto metallico spesso appena 3 millimetri che, una volta applicato sul retro della cassa, trasforma qualsiasi modello di orologio classico, in uno smartwatch vero e proprio.

Come funziona Chronos? Si aggancia al retro dell’orologio grazie a una micro ventosa, che non lascia residui, e che garantisce una aderenza perfetta sfruttando la pnaturale pressione del cinturino sulla parte superiore del polso: è in grado, attraverso la vibrazione, di farci sapere quando una nuova notifica è in arrivo.

Come facciamo a distinguere il tipo di notifica, visto che non ha un display? Attraverso un App dedicata installabile su smartphone, è possibile personalizzare i modelli di vibrazione, così da capire dal tipo di movimento che Chronos fa, se la notifica arriva da Facebook o Whatsapp, o se stiamo ricevendo una telefonata.

Anche se senza schermo però, Chronos riesce a farci interagire con lo schermo del nostro orologio: facendo due volte tap sul quadrante, per esempio, Chronos riesce a percepire le due pressioni e  si possono «silenziare» le chiamate in arrivo, mentre con tre avviare la riproduzione musicale sullo smartphone. E come ogni dispositivo smart in circolazione, Chronos dispone anche di un sensore per fitness tracker, che permette di tenere sempre sott’occhio l’attività fisica quotidiana, come il contapassi e i battiti cardiaci.
Secondo i dati rilasciati dai produttori, la batteria, ricaricabile in modalità wireless, dovrebbe garantire circa 36 ore di utilizzo continuo. Chronos sarà disponibile a partire dalla primavera dell’anno prossimo, con un prezzo di partenza di circa 99 dollari americani.
CONDIVIDI
Articolo precedenteAttacchi a Parigi, Expo, Juventus, questi alcuni degli argomenti più importanti del 2015 per Facebook
Prossimo articoloWhatsApp, attenzione al nuovo malware che ruba i dati della carta di credito agli utenti!