Tim crede in Hype, la partnership fa crescere il servizio “Personal”

Tim crede in Hype, la partnership fa crescere il servizio “Personal”

Internet è ormai pieno di notizie e guide su come aprire un conto con Hype, servizio di Banca Sella che offre una carta prepagata senza alcun costo. Ma perché tutti ne parlano? E sopratutto perché Tim ci credo così tanto?

La prepagata adatta a tutti

Rispondere alla prima domanda è alquanto facile. Hype si tratta infatti di qualcosa di comodo e quasi unico nel suo genere. Avere una prepagata a propria disposizione senza sostenere alcun costo è sicuramente un punto a favore per l’azienda. Il fatto che sia “compatibile” anche con i minorenni (dai 12 anni in su) è segno che Banca Sella desidera portare il concetto di banca già in età giovanile.

Tutto è molto comodo anche per le famiglie o magari per dei coinquilini che devo dividere quotidianamente le spese per la casa o magari una serata in pizzeria. Ovviamente da non sottovalutare la possibilità di utilizzare Apple Pay comodamente dal proprio iPhone. Per rispondere invece alla seconda domanda dovremmo immedesimarci nel pensiero di Tim.

Tim è sempre stato un operatore molto diffuso in Italia, non solo per quanto riguarda la rete fissa ma anche quelle mobile. I giovani apprezzano sempre le promozioni pensate per loro e scoprire che la stessa Tim offre una prepagata completamente gratuita che permetta di ricevere anche dei GB in omaggio, beh non può essere che una bella notizia.

Si perché richiedere una carta Tim Personal non significa avere solo una delle prepagate più amate del momento, ma anche ricevere vantaggi esclusivi nel mondo mobile, senza spendere un centesimo.

La strategia di Tim, nel puntare sembra quindi aver pagato. Da quando l’azienda ha infatti rilasciato l’aggiornamento e la conseguente compatibilità con Apple Pay, l’applicazione è al top delle classifiche negli store digitali. Per ovvi motivi, su App Store raggiunge alla trentatreesima posizione nella classifica generale e la quarta in quella speciale riservata alla categoria finanza. Un segno che in molti credono nell’unione di queste due aziende.