The Gifted: Matt Nix parla della seconda stagione

The Gifted: Matt Nix parla della seconda stagione

La prima stagione di The Gifted, serie creata da Matt Nix in collaborazione con Bryan Singer e basata sulla trasposizione cinematografica dei mutanti Marvel, si è conclusa anche in Italia sul canale di Fox (numero 112 di Sky) con l’ultimo episodio trasmesso il 19 febbraio.

La serie ha riscosso talmente tanto successo da parte sia del pubblico che dalla critica da aver convinto il network a rinnovarla per una seconda stagione che debutterà negli Stati Uniti il prossimo autunno 2018.

The Gifted: Matt Nix racconta quale sarà il fulcro centrale della seconda stagione

Nel corso di un’intervista Matt Nix ha svelato cosa dobbiamo aspettarci dalla nuova stagione e di cosa tratterà nel dettaglio. Ecco le sue dichiarazioni:

“Mi piacerebbe esplorare molto più nel dettaglio il 15/7”. Ciò che è accaduto quel giorno è, senza dubbio, uno dei punti centrali dell’intera serie. E’ qualcosa di veramente troppo grosso. E’ collegata alla sparizione degli X-Men e della Confraternita, alla creazione della Rete dei Mutanti e al tentativo di ricostruire l’Hellfire Club… è centrale a tutto ciò che stiamo facendo”.

L’incidente del 15 luglio è un avvenimento molto importante per lo show perché è stato in quel frangente che l’agente federale Turner, antagonista della serie e capo dell’organizzazione governativa Sentinel Services, ha perso la figlia di 7 anni a causa dei mutanti, iniziando così una crociata personale contro di loro. In seguito però gli verrà cancellata la memoria da una delle mutanti, facendogli dimenticare la sua morte.