Sony Xperia XZ1

IFA 2017 può esser ormai archiviato e Netflix non ha perso tempo ad aggiornare la lista degli smartphone impreziositi dal supporto HDR e Dolby Vision (quest’ultimo appannaggio di LG G6). L’ultimo ad iscriversi nel fortunato novero di terminali è Sony Xperia XZ1, presentato dal gigante nipponico qualche giorno or sono ed insignito di tutta una serie di accorgimenti – tra cui la particolare applicazione Sony 3D Creator, che approderà per inciso anche su Xperia XZ Premium – volti a migliorare quanto di buono fatto nell’ultimo periodo.

Trattasi pertanto del secondo smartphone Sony – dopo Xperia XZ Premium, per l’appunto – a poter beneficiare del supporto HDR (acronimo di High Dynamic Range) di Netflix, così da migliorare sensibilmente la qualità dei singoli pixel in modo da offrire una visione dei filmati ancor più suggestiva ed apprezzabile, oltre che vicina alla realtà. Merito del processo di correzione di colori, insignito del compito di <<riequilibrare>> tutti i vari contesti della narrazione e offrire un’ampia gamma dinamica di luminosità in ogni immagine.

Sony Xperia XZ1 va insomma ad aggiungersi all’attuale LG G6 – il primo ad aver fatto da vero e proprio apripista – e ad altri terminali di nuova generazione già certificati da Netflix nei giorni scorsi: il rimando va, nello specifico, al Galaxy Note 8 di Samsung, ma anche al secondo top di gamma di LG, il V30, particolarmente congegnale per ciò che concerne il comparto audio e fotografico.

I futuri possessori di Sony Xperia XZ1 – che per inciso può esser già pre-ordinato al costo di 699 euro, l’opzione di ricever in via del tutto gratuita le cuffie wireless Sony WH-H900N dal valore commerciale di 299 euro – potranno insomma sperimentare il supporto HDR di Netflix, a patto di aver installato sul proprio smartphone la versione numero cinque della popolare applicazione della piattaforma di streaming on demand più famosa al mondo.

VIAPhoneArena
CONDIVIDI
Articolo precedenteCEO di Harman: Samsung Bixby surclasserà Google Assistant ed Amazon Alexa in breve tempo
Prossimo articoloHuawei HiSilicon Kirin 980, primi rumor su processo produttivo a 7nm e dispositivi su cui sarà utilizzato