Arrivano le analisi del trimestre dimostrano che si scaricano più applicazioni per dispositivi Google, ma Apple guadagna di più.

La società di analisi App Annie ha fornito le statistiche del trimestre appena trascorso, relative all’andamento degli store di Google ed Apple, rispettivamente, Play Store ed App Store, che confermano ancora una volta di dati emersi negli scorsi mesi, con il Play Store che vince per volumi ed il secondo per quanto riguarda i ricavi.

Secondo queste statistiche, in questo terzo trimestre del 2014, il Play Store di Google può vantare un numero di app scaricate, superiore di ben il 60% rispetto all’App Store di Apple, che ha dalla sua però maggiori ricavi, superiori del 60% nei confronti di Google.

I mercati emergenti fanno la differenza

La netta vittoria di Google per quanto riguarda le app scaricate, così come la vittoria nei ricavi da parte di Apple hanno un unico comune denominatore: i mercati emergenti. La scelta di Google di puntare molto, a partire da quest’anno, sui mercati emergenti quali Brasile, India, Indonesia, come testimonia anche il rilascio del dispositivo low cost Android One, ha sicuramente contribuito ad aumentare il numero di applicazioni scaricate dal Play Store, che infatti lo scorso anno distanziava per volumi Apple del “solo” 25% e con un trend che sembra destinato ancora ad aumentare, come confermato dalla previsione che nei prossimi quattro anni prevede come il numero di possessori di smartphone Android raddoppi, arrivando al 40% della popolazione.

Apple ed il Giappone

Di contro, in questi mercati meno agiati, le applicazioni Android scaricate sono per la maggior parte di tipo gratuito, andando ad influire così sui possibili ricavi per la società di Mountain View, mentre per Apple l’incremento dei propri ricavi arriva soprattutto dal Giappone, che nelle statistiche si piazza al secondo posto per il numero di acquisti effettuati sull’App Store, dietro solo agli Stati Uniti e scavalcando anche l’Europa, con un aumento del giro di affari di oltre il 30% nell’ultimo trimestre.

Le App come principale fonte di guadagni

Questi numeri dimostrano ancora una volta come sia per Google che per Apple, le applicazioni siano ancora la fonte principale dei ricavi e come nonostante gli sforzi fatti, Google dovrà ancora lavorare molto per ridurre il gap nei confronti della società di Cupertino.

Via

CONDIVIDI
Articolo precedenteBlackBerry Classic, altre info sulle caratteristiche tecniche
Prossimo articoloNexus 9 disponibile in pre-ordine su Amazon Italia da 399€