samsung

Ormai i più importanti produttori hi-tech del mondo si sfidano in diversi settori, anche apparentemente lontani rispetto a quelli che li hanno portati al successo e ma se ormai non è più strano, vedere Apple, Google, Samsung ed LG sfidarsi nel settore degli orologi smart o nella realizzazione di visori per l’accesso la mondo virtuale 3D, vederli affacciarsi in un settore così apparentemente differente dai classici scenari come quello delle automobili, lascia ancora sorpresi.

Samsung infatti sarebbe pronta a sfidare direttamente Google, realizzando la propria Galaxy Car, un automobile a guida autonoma in grado di sfidare la Google Car e la futura Apple Car dei due colossi statunitensi.

Secondo quanto raccolto dal noto Wall Street Journal, Samsung avrebbe iniziato a formare ad un team in grado di realizzare ogni particolare della futura Galaxy Car, partendo dalla componentistica del motore, passando dal design e finendo con i sistemi di Infotainment del veicolo. Samsung avrebbe puntato molto sul progetto della Galaxy Car, tanto da affermare di essere in grado di realizzare un primo prototipo del veicolo già entro pochi mesi.

L’idea di Samsung sarebbe inoltre differente da quella di Google e consisterebbe nella realizzazione di un Taxi completamente autonomo da commercializzare poi negli Stati Uniti prima ed in Europa successivamente. Sempre secondo il WSJ, Samsung avrebbe messo a capo del nuovo progetto della Galaxy Car, Kwon Oh-hyun, attuale vice presidente della sezione componentistica elettronica dell’azienda coreana.

Le aziende hi-tech sono quindi ormai  pronte a lanciarsi nel promettente mercato della automobili a guida autonoma, dove profitti e margini di guadagno sono ancora potenzialmente elevati tanto che, alcune stime di mercato indicano come l’arrivo di una Galaxy Car potrebbe far volare il titolo Samsung in borsa, portando ad un aumento del fatturato di oltre il 30%.

Via

CONDIVIDI
Articolo precedenteGalaxy A8 per il mercato Giapponese riceve un nuovo chipset
Prossimo articoloInstallare Cortana su Android e iOS, ora si può