Samsung Galaxy S8 e S8+ in versione Exynos pronti per ROM di terze parti con la nuova TWRP

0
Samsung Galaxy S8 e Galaxy S8 Plus

Samsung Galaxy S8 e S8+ hanno fatto il loro approdo ufficiale sul mercato da ormai qualche giorno e gli sviluppatori sono adesso pronti ad assecondare le esigenze dei possessori più smaliziati e <<smanettoni>>. Un contributo rilevante, lato supporto della community, è in tal senso offerto dalla celebre recovery TWRP (acronimo di Team Win Recovery Project) disponibile da qualche ora nei riguardi dei due nuovi top di gamma del 2017 a firma Samsung nonché chiave di volta necessario per installare custom ROM ed effettuare backup.

La notizia è sicuramente di interesse per almeno due ordini di ragioni: il supporto di TWRP segue innanzitutto in modo contestuale e quasi immediato la commercializzazione di Samsung Galaxy S8 e S8+, nel senso che l’aggiunta in questione è stata effettuata a distanza di qualche giorno dall’immissione sul mercato dei due portabandiera in campo Android; in seconda battuta – e forse è proprio questo il fattore più particolare – ad essere interessati della notizia sono, nello specifico, gli smartphone alimentati dal processore Exynos 8895. Un particolare di non poco rilievo, in quanto il SoC proprietario di Samsung, benché assai più diffusi rispetto alla controparte Snapdragon 835 di Qualcomm (disponibili nei riguardi dei terminali smerciati negli Stati Uniti, ad esempio), non si è mai segnalato come un chipset aperto al modding, complice il mancato rilascio del suo codice sorgente del kernel.

Consigliamo comunque caldamente di seguire per filo e per segno le istruzioni messe a disposizione presso il forum di XDA Developers (clicca qui per accedere al thread dedicato a Samsung Galaxy S8, mentre questo è il link per la controparte targata <<Plus>> con display da 6.2 pollici), esimendoci dalla responsabilità di qualsivoglia danno incorso durante la procedura. E’ bene infatti sottolineare che operazioni di una tale natura, oltre ad invalidare la garanzia a seguito dello sblocco del bootloader, richiedono una certa praticità ed esperienza.

VIAPhoneArena
CONDIVIDI
Articolo precedenteSamsung va forte con S8, Tim Cook non si preoccupa, Apple con iPhone 8 sbaraglierà tutti
Prossimo articoloSuper Mario Run, primo importante aggiornamento per utenti Android