Samsung Galaxy S7 smartphone Samsung

Samsung Galaxy S7 piace al pubblico ed i risultati riscossi a distanza di quasi un mese dall’esordio sul mercato sono incoraggianti. Ed un po’ inaspettati. Sì, perché il nuovo smartphone Samsung – oggetto in queste settimane di abbondanti spot pubblicitari a mezzo televisivo – sta già per tallonare quota 10 milioni, per inciso il numero di pezzi che il produttore di Seoul ha provveduto a consegnare (fattore quest’ultimo che, si badi, non dev’essere inteso come sinonimo di vendere). A snocciolare i primi dati e, per converso, a confermare il successo raggranellato dai nuovi Galaxy S7 è una recente indagine di matrice coreana, che sostiene esser pari a 9.5 milioni il primo consuntivo di Samsung inerente alla commercializzazione dei suoi ultimi dispositivi Android. Un trend altamente positivo dopo due anni a ritmo non troppo sostenuto e che ritratta verso l’alto le originarie previsioni imbastite dallo stesso colosso coreano (7 milioni di unità spedite in 20 giorni), abbondantemente smontate e superate da quanto invece messo in evidenza dalla realtà.

Il nuovo Samsung Galaxy S7 è dunque un successo e la risposta dei consumatori non fa altro che confermare quanto di buono occorso dal produttore di Seoul in sede di progettazione del dispositivo Android in questione. Non è chiaro quale delle due versioni di Galaxy S7 abbia avuto il merito di far da traino al dato sopra riportato, ed in particolare se quest’ultimo includa anche la variante Edge, dotata ed impreziosita dalla doppia curvatura laterale, da un display a dimensioni maggiorate e da una batteria ancor più performante. Samsung farà ad ogni modo definitiva chiarezza in occasione dell’ufficializzazione dei risultati fiscali relativi al trimestre concluso a marzo, fattore che dovrebbe confermare il successo del nuovo smartphone Samsung (o nuovi, declinando al plurale Galaxy S7 Flat e Edge). Anche e soprattutto in raffronto ai due modelli di generazione precedente (Galaxy S6 e Galaxy S5), che in questi due anni hanno viaggiato – da un punto di vista squisitamente commerciale – ad una velocità di crociera non conforme alle ambizioni del produttore di Seoul.

I nuovi Samsung Galaxy S7 costano parecchio, eppure le novità implementate sotto il cofano sembrano aver allettato i consumatori. Lo stesso colosso coreano, interpellato qualche giorno dopo il debutto sul mercato dei dispositivi Android in questione, ha confermato come la batteria più grande e, soprattutto, il ritorno dell’espansione di memoria abbiano fatto breccia tra gli utenti. Ma a contribuire al successo raggranellato dai nuovi flagship sarebbe tuttavia un altro ed altrettanto importante fattore: l’assenza di proposte concorrenti (i nuovi smartphone top di gamma di HTC e Huawei verranno infatti svelati soltanto nei prossimi giorni) e la tempestiva commercializzazione. Fattori quest’ultimi sottolineati dall’analista coreano, che ha premiato la scelta di Samsung di metter sul mercato il suo più recente dispositivo Android prima del lancio di iPhone SE di Apple e del G5 di LG, smartphone con i quali i nuovi Samsung Galaxy S7 andranno a duellare nei prossimi mesi. In attesa poi di Note 6, ma questa è un’altra storia (che, a meno di clamorose novità, avremo il piacere di <<raccontare>> anche in Italia dopo l’assenza dell’attuale quinta iterazione dello smartphone con S-Pen).

via