Samsung Galaxy S7 Active smartphone Android rugged

Samsung Galaxy S7 Active potrebbe presto rimpinguare l’attuale gamma di smartphone Android inaugurata dal produttore di Seoul in occasione del Mobile World Congress 2016 di Barcellona. Una evenienza pressoché scontata se spulciamo alle strategie attuate da Samsung in questi anni, ma che trova adesso il suo effettivo inverarsi a seguito di un documento diffuso a mezzo Twitter dal <<solito>> Evan Blass (@EvLeaks). Informativa alla mano, il produttore di Seoul sembrerebbe stia testando un nuovo smartphone Android, contrassegnato dalla dicitura tecnica SM-G981A. Pronto a trasformarsi mestamente in Samsung Galaxy S7 Active, se facciamo infatti riferimento al modello di generazione precedente (SM-G980A), mera esclusiva del territorio statunitense e, nello specifico, del carrier commerciale AT&T.

Il dispositivo Samsung di cui trattasi costituirà dunque la versione rugged del top di gamma 2016 già presente da qualche settimana sul mercato. I materiali premium e ricercati dovrebbero far posto ad una scocca robusta, meno elegante esteticamente ma impreziosita dalla certificazione militare Mil-STD-810G, importante riconoscimento che convalida la resistenza dello smartphone a tutta una serie di stress test. Non è ancora chiaro quali saranno poi le differenze, lato squisitamente hardware, tra Samsung Galaxy S7 Active e la versione più classica e tradizionale: lo scorso anno, ad esempio, vennero sacrificati materiali, spessore e lettore d’impronte digitali per far spazio a materiali più sbarazzini, una batteria più capiente (3.500mAh contro i 2.550mAh di S6 Flat) ed alla certificazione IP68 (resistenza ad acqua e polvere), fattispecie quest’ultime già presenti su Galaxy S7 e S7 Edge.

Informazioni quindi ancora ad uno stato embrionale, ma quel che è certo è che Samsung Galaxy S7 Active esiste e dovrebbe affacciarsi sul mercato durante i prossimi mesi, magari in concomitanza con il periodo estivo, arco temporale che ha segnato lo scorso anno il debutto dell’attuale (ed invero poco diffuso, in ragione della sua limitata commercializzazione) smartphone Android rugged a firma Samsung. Verosimilmente ancora destinato al territorio statunitense e, in particolare, all’operatore commerciale AT&T.

via