Galaxy Note 8

Samsung è a conoscenza del motivo scatenante che ha travolto il suo ormai ex top di gamma di fine 2016. Indipendentemente dal report – che potrebbe non esser mai divulgato al pubblico – l’azienda di Seoul ha già deciso di utilizzare batterie di LG Chemical per il Galaxy Note 8, atteso e confermato per la metà del prossimo anno, nonostante il rincorrersi di indiscrezioni pessimistiche inerenti il futuro della gamma impreziosita dalla presenza della S-Pen. L’accordo tra i due brand coreani è ormai prossimo alla conclusione, suggeriscono i bene informati, benché nulla sia stato ancora ratificato. Una bozza di intesa è già comunque esistente, in attesa del definitivo nero su bianco.

LG diventa insomma motore trainante del settore mobile, dopo le avanche di Apple inerenti l’utilizzazione di pannelli OLED per il suo iPhone 8. Samsung, dal suo canto, vuol far le cose per bene, evitando ulteriori grossolani errori che possano metter in chiaroscuro la reputazione di un brand solido in termini finanziari e di immagine. La compagnia di Seoul aveva attribuito il surriscaldamento e la consequenziale esplosione dei Galaxy Note 7 alle batterie della sussidiaria Samsung SDI. L’ipotesi, per quanto credibile, è stata mestamente messa da parte con la seconda tornata di dispositivi (rimpiazzati e sostituiti ad inizio settembre) dotati di batterie della cinese Amperex Technology Limited.

Il problema rientra insomma dalla finestra, e la causa scatenante le esplosioni andrebbe dunque ricercata altrove: secondo alcune ricostruzioni di Instrumental, la motivazione più plausibile sarebbe legata ad un design troppo aggressivo, con ingombri sin troppo ridotti e compressi. Un problema di progettazione, insomma, ma che di fatto non cambia quelle che saranno le strategie di casa Samsung: Galaxy Note 8 utilizzerà batterie della rivale LG, ripercorrendo su mobile un rapporto di collaborazione che è già valido e operante per quanto concerne il settore dei display di grandi dimensioni, là dove è proprio LG a fornire i pannelli LCD per i televisori Samsung.

E’ ancora presto, invece, per parlare di caratteristiche di Galaxy Note 8. Ci sarà tempo e modo di approfondire il discorso, in ragione dell’arco temporale dilatatissimo (terzo trimestre 2017) che ci separano dal phablet chiamato a spazzar via critiche e polemiche del modello di generazione precedente.

via