Samsung Galaxy Grand On

Sulla scia della vulnerabilità scoperta Stagefright, Samsung ha annunciato che lancerà presto un nuovo processo di aggiornamento di sicurezza di Android.

Questo è il piano di Samsung per assicurarsi che le vulnerabilità di Android vengano risolte il prima possibile: eliminare il ritardo che si verifica solitamente, tra il rilascio di aggiornamenti di sicurezza da parte di Samsung e il tempo che poi passa per essere applicati dai vari operatori.

Samsung sostiene di aver lavorato con gli operatori per il veloce rilascio della patch per la vulnerabilità Android Stagefright, una violazione della sicurezza che potenzialmente consente agli hacker di prendere il controllo di un dispositivo attraverso un MMS dannoso. Samsung sa bene quale sia l’importanza di rilasciare velocemente una patch di sicurezza ed essere applicata nel più breve tempo possibile, ed è per questo che la società prevede di collaborare con gli operatori, ancor più a stretto contatto, per diminuire questo tempo di rilascio, per le vulnerabilità future. Samsung annuncia che questi aggiornamenti avranno una cadenza mensile. Come nota a margine, vale la pena ricordare che Samsung è stata una delle prime società produttrici di smartphone a rilasciare la patch per la vulnerabilità Stagefright.

Dong Jun Koh, Executive Vice Presidente di Samsung ha così commentato nel blog ufficiale, riguardo questa iniziativa:

Con i problemi di sicurezza più recenti, abbiamo ripensato all’approccio da attuare per ottenere gli aggiornamenti di protezione per i nostri dispositivi, in ​​modo più tempestivo. Poiché il software è costantemente sfruttato in modi nuovi, lo sviluppo di un processo di risposta rapida per consegnare ai nostri dispositivi patch di sicurezza, è fondamentale per mantenerli protetti.

Spazio dunque a questo nuovo processo di aggiornamento di  Patch di sicurezza Android! Che ne pensate?

CONDIVIDI
Articolo precedenteApple, arriva la smentita, non diventerà operatore mobile
Prossimo articoloWindows 10 Service Release 1, disponibile l’aggiornamento cumulativo