Windows 10

Cambia il concetto conosciuto finora nel mondo dei sistemi operativi: Microsoft ha fatto sapere che Windows 10 “sarà l’ultima versione di Windows”.

La notizia rende increduli e scettici, detta così sembra la fine di un’epoca, la morte del sistema operativo più diffuso al mondo. In realtà la storia è più complessa, ed anche più interessante : il radicale cambio della tecnologia dei device,  la memoria fisica che non sarà più necessaria grazie ai cloud, e anche i software che saranno online, e verranno aggiornati direttamente dai produttori, hanno fatto sì che la Microsoft, abbia ponderato questa soluzione che va a mutare radicalmente ogni concetto di OS conosciuto finora.

Va chiarito comunque, che Microsoft non ha intenzione di chiudere il settore relativo a Windows. Anzi, nelle volontà del Ceo Satya Nadella, c’è più un desiderio di una “svolta epocale” . Windows 10, che debutterà ufficialmente questa estate  in 111 lingue diverse e in 190 paesi, sarà disponibile come upgrade gratuito nel primo anno per tutti gli utenti in possesso di un PC dotati di Windows 7, Windows 8 o Windows 8.1.

|potrebbe interessarti anche: Windows 10 arrivo in estate e gratis anche per i pirati|

Ma visto che a detta della Microsoft stessa, non ci sarà mai un seguito di Win 10, l’intenzione è quella di fornire aggiornamenti molto più frequenti rispetto al passato: gli utenti infatti, potranno scaricare aggiornamenti e nuove funzionalità una volta al mese, mentre gli upgrade più consistenti, saranno disponibili un paio di volte all’anno. La decisione a prima vista non sembra sbagliata, con gli aggiornamenti più frequenti e cadenzati, si garantisce una maggiore sicurezza  e stabilità del sistema stesso.

Windows 10, dunque, non sarà la fine, ma il punto di partenza, e la volontà è quella di creare la massima coesione fra i device: Pc, Smartphone e Tablet, e per far esistere questa convivenza, basterà una sola licenza, o acquistare un pc con Windows preinstallato. Il concetto chiave che la Microsoft vuole far passare è quello di un sistema operativo che sia un servizio in costante evoluzione che non avrà bisogno di eventi ufficiali e nuove versioni, ma solo continue e innumerevoli aggiornamenti, per renderlo perfetto e funzionale.
CONDIVIDI
Articolo precedenteAndroid, inzia la pre-registrazione delle app
Prossimo articoloGalaxy S6 e S6 Edge, un nuovo update migliorerà il sensore impronte