Dopo la notizia del lancio di Android L, delle sue funzionalità e applicazioni e soprattutto del suo sistema operativo Google, il software maggiormente ricercato dall’utenza è stato la nuova tastiera di Android L con il suo aspetto derivante dal Material Design, e con l’introduzione di nuove funzionalità. Nel giro di breve tempo la tastiera è stata resa disponibile su XDA, prima sotto forma di pacchetto installabile tramite recovery, e poi attraverso una versione pubblicata sul Play Store.

Ciò ha mandato su tutte le furie Google che ha provveduto rimuovendo l’applicazione dal suo store, avvalendosi del motivo d’infrazione del copyright. Impressionante la popolarità ricevuta dalla tastiera, tanto da raggiungere oltre gli 800.000 download in tempo record, affermandosi come l’applicazione più in voga.

Tutto ciò ha così richiamato l’attenzione di Google che tanto non ha voluto diffondere un’applicazione ancora in fase sperimentale.