bada

Per tutti coloro che dando fiducia in passato a Samsung, acquistando uno smartphone con a bordo il sistema operativo proprietario Bada, per poi scoprire che la casa coreana aveva abbandonato il progetto, portando a dimenticare tristemente il dispositivo in un cassetto, oggi arriva una notizia “incredibile”: grazie all’attivissima comunità di sviluppatori XDA, potrete installare Android 6.0 Marshmallow sul vostro smartphone ed abbandonare così Bada.

Grazie infatti all’incredibile lavoro dello sviluppatore fire885 di XDA, chiunque dispone di uno smartphone con sistema operativo Bada 2.0, potrà tentare l’installazione della nuova custom rom OmniRom, dotando così il dispositivo del nuovissimo Android 6.0.1 Marshmallow di Google.

Il progetto è al momento in una fase iniziale alpha e presenta ancora diversi problemi ma fortunatamente non di importante rilevanza e che non incidono in modo significativo sul funzionamento della ROM, sopratutto in considerazione dell’hardware sulla quale gira e dell’incredibile lavoro dietro a questo porting. Nello specifico, i problemi di maggiore rilevanza attualmente segnalati riguardano problemi nell’utilizzo in modalità 2G del modem, alcuni problemi con i codec audio, il tasto della fotocamera che non attiva l’app, degli importanti battery drain ed altri piccoli errori.

https://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=rCGKa3vEyiE

Sicuramente sconsigliamo l’utilizzo di questa rom nel caso utilizzate lo smartphone con sistema operativo Bada come dispositivo principale, ma nel caso questo telefono sia dimenticato da qualche parte in casa vostra, sarà sicuramente divertente provare ad utilizzarlo con l’ultimo Android disponibile, facendo magari scattare un po’ di invidia ad amici e parenti con smartphone Android, magari anche di fascia alta, fermi ancora ad Android 5 Lollipop!

Trovate tutte le istruzioni ed i link ai file necessari nel link sottostante. Pronti a trasformare il vostro vecchio Samsung Wave?

CONDIVIDI
Articolo precedenteLo strano museo dei virus vintage
Prossimo articoloGalaxy S7, da un brevetto ecco i display intelligenti