problemi Whatsapp
problemi Whatsapp

Siamo ormai al 4 maggio, eppure si parla ancora con insistenza dei problemi Whatsapp che hanno messo in seria difficoltà gli utenti Android ed iPhone la sera del 3 maggio. Circa due ore di down senza precedenti per la portata del malfunzionamento, al punto che stamane è emersa la notizia secondo cui anche in altri continenti è stato impossibile ricevere messaggi attraverso l’applicazione. Cosa è successo realmente e come stanno le cose in questo momento per quanto concerne i problemi Whatsapp? Facciamo chiarezza dopo la diretta di questa notte.

In primis, va detto che il down non sia ancora sparito del tutto. Basti pensare a quanto riportato da Servizio Allerta ed al fatto che il numero di lamentele ancora non ha raggiunto lo zero. Certo, siamo lontani anni luce rispetto a quanto avvenuto ieri sera, ma tanto basta per tenere gli occhi aperti anche in queste ore. Dopo un down Whatsapp del genere, d’altronde, non si può certo escludere a priori la possibilità di un altro caso di quel tipo.

Quanto alla cause ed agli effetti dei problemi Whatsapp, tutto lascia intendere che ci sia stato un attacco hacker di cui ad oggi non si conoscono ancora i dettagli. La nota scarna da parte del team Whatsapp non mette in evidenza alcun malfunzionamento specifico, né tantomeno la solita manutenzione dei server di cui spesso e volentieri i colossi parlano in casi del genere. Insomma, è probabile che il down abbia messo in evidenza lacune impreviste per gli sviluppatori della famosissima app.

Effetti? Sbilanciarsi ed affermare che malintenzionati siano entrati in possesso di dati sensibili degli utenti dopo i problemi Whatsapp del 3 maggio sarebbe probabilmente prematuro in questo caso, ma al momento non si può escludere alcuna ipotesi. Restate sintonizzati sulle nostre pagine, perché certo non smetteremo di seguire l’evoluzione del down Whatsapp che ancora oggi fa parlare moltissimo di sé.

CONDIVIDI
Articolo precedenteFacebook in crescita, 3 mila persone assunte per il controllo dei contenuti
Prossimo articoloOUKITEL U22, il primo al mondo con doppia fotocamera anteriore e posteriore