Lumsing P2 Glory

Oggi vi parleremo di Lumsing P2 Glory, un caricatore portatile, versatile e dalla lunga durata, che potrete sfruttare dimenticando tranquillamente l’ultima volta che lo avete utilizzato. I power bank vengono ormai impiegati quotidianamente da tantissimi utenti e sul mercato sono presenti dispositivi di differenti taglie di prezzo e dimensioni. In questo caso, sotto la lente il P2 Glory appare imponente e deciso.

Unboxing

Il dispositivo viene custodito in una confezione di cartone riciclato, ed insieme al protagonista troviamo: un cavo USB-MicroUSB, un cavo USB-TypeC ed il manale d’uso per l’utente.

Materiali

Toccando con mano il dispositivo, possiamo subito notare come questo sia stato assemblato con plastica solida e ben rifinita. È davvero piacevole al tatto, anche se il suo peso, di ben 499g circa, non ci passa propriamente inosservato. Peso giustificato dalla batteria da 15.000 mAh che, però, non occupa tutta la scocca interna bensì circa l’85% della sua superficie, fino al lato in cui si trovano i connettori. Nel restante 15% sono alloggiate le componenti che regolano l’erogazione dell’energia sui singoli connettori, che donano al Lumsing P2 Glory una protezione IC contro sovraccarichi, alto voltaggio, sovracorrente e cortocircuito.

Componenti

I due cavetti in dotazione sono di ottima fattura. I connettori presenti nel dispositivo sono costruiti davvero bene e permettono dei collegamenti solidi e ben saldi.

Sono presenti 4 connettori: MicroUSB per l’input di energia a 5V/2.1A, Type-C che permette sia input, sia output e due ingressi USB standard per l’output che operano con tecnologie differenti.

La prima porta USB, caratterizzata dalla colorazione verde, è dotata di tecnologia Qualcomm Quick Charge 2.0 e 3.0, che permette di operare su dispositivi che supportino i due standard di velocità per la ricarica rapida.

La seconda porta, caratterizzata invece da una colorazione blu, è dotata di output smart, ovvero riconosce automaticamente la velocità di ricarica supportata dal dispositivo ad essa collegato ed evita di danneggiarne la batteria.

Grazie al connettore Type-C, il power bank può essere doppiamente alimentato per essere ricaricato più velocemente con un input aggiuntivo a 5V/2.1A. In output, questo connettore eroga fino a 5V/3.1A massimi.

Sulla parte frontale del dispositivo, in cui viene esposto il logo di Lumsing, sono presenti 4 led che mostrano lo stato di carica del momento. Se il power bank è spento e volete comunque verificare la quantità di energia rimasta, sappiate che sul lato sinistro è presente un pulsate che permette di accendere gli indicatori, che si spegneranno automaticamente dopo alcuni secondi.

Durata / Test

Sicuramente questo Lumsing P2 Glory ha superato le aspettative. L’azienda promette che i 15.000 mAh dichiarati riescono a caricare 5 volte un iPhone, quasi 4 volte un Galaxy S7 e quasi 2 volte un iPad Mini. A giudicare dai risultati dei test effettuati vi assicuriamo che dimenticherete l’ultima volta che avete eseguito la ricarica di questo dispositivo, che potete utilizzare tranquillamente diverse volte nello stesso arco di tempo (dunque anche su due dispositivi contemporaneamente) e le cui dimensioni reali garantiamo essere quelle dichiarate. Il Power bank non verrà messo in difficoltà neanche da tablet dalla grande batteria.

Considerazioni

In definitiva, stiamo parlando di un power bank adatto a chi sfrutta giornalmente diversi dispositivi che necessitano di ricarica. Si adatta facilmente a smartphone, notebook, prodotti 2 in 1 e non solo (se dotati di ricarica tramite USB o Type-C) ed è dotato di Garanzia di 12 mesi, con certificato CE/FCC/ROHS, grazie a cui in caso di difetti o malfunzionamento l’utente può rivolgersi all’assistenza di Lumsing. Il costo non è irrisorio, ma sono tante le occasioni in cui il device può risultare di grande utilità. Se siete interessati al dispositivo, vi lasciamo il link all’acquisto diretto su Amazon.

CONDIVIDI
Articolo precedenteWindows 10 S vs Windows 10 Home vs Windows 10 Pro: caratteristiche a confronto. Quale scegliere?
Prossimo articoloLa patch di sicurezza per maggio è in arrivo sui top di gamma Samsung