Keyforweb.it vi propone oggi, la recensione dell’ Asus Vivo Tab Note 8, il primo Tablet da 8 pollici, con Windows 8.1 e digitalizzatore attivo Wacom.

Unboxing

 

Nella scatola di Asus Vivo Tab Note 8 troviamo il classico equipaggiamento, per cui oltre al dispositivo con la stilo integrata, troviamo il caricabatterie, un cavo microUSB-USB, e la manualistica.

Design e Disposizione

Il dispositivo realizzato da Asus è equipaggiato con un display IPS da 8 pollici touchscreen e ha una scocca leggermente gommata che misura 129.4 x 211.7 x 8.8 mm per 330 grammi di peso. I tasti fisici presenti sul lato destro del dispositivo, permettono il controllo del volume, lo sblocco e l’accensione del dispositivo. Nella parte superiore della scocca troviamo lo slot della microUSB utilizzata per ricaricare il Tablet ed il jack da 3,5 mm per le cuffie, mentre sul lato sinistro è presente lo slot per l’inserimento della microSD, oltre al tasto Home di Windows. La parte inferiore risulta completamente libera, mentre in basso a destra troviamo l’alloggiamento per la stilo. Nella parte anteriore abbiamo il display da 8 pollici, il logo Asus e la fotocamera da 1,2 megapixel. Chiudiamo questa descrizione con la cover posteriore, caratterizzata come anticipato dalla presenza della fotocamera da 5 megapixel e gli altoparlanti di sistema oltre ai vari adesivi relativi alle certificazioni e licenze.

La qualità costruttiva è ottima, il tablet è ben costruito ha una struttura solida e stabile in ogni zona, ed è gradevole da vedere. La finitura posteriore non trattiene le impronte e contrasta bene con il bordo lucido. Da segnalare la perfetta installazione del vetro che è quasi a filo e ben incastonata nella cornice.

Hardware

L’Asus Vivo Tab Note 8 presenta le seguenti caratteristiche hardware: ha un processore Intel Bay Trail quad-core Z3740 ad 1.86GHz e GPU Hd Graphics, 2GB di Ram , 32 GB di memoria interna eMMC Hynix (espandibile con microSD), fotocamera posteriore da 5 megapixel, fotocamera anteriore da 1,2 MP,  sensore di  luce ambientale, bussola digitale, G-sensor, giroscopio, Miracast e GPS. La batteria è da 4050 mAh, il Sistema Operativo è Windows 8 (aggiornabile ad 8.1), ed ha una licenza completa di Office 2013 Home & Student.

Per quanto riguarda la connettività abbiamo Bluetooth 4.0, Wi-Fi 802.11 b/g/n, manca il modulo 3G/LTE come sulla maggior parte dei dispositivi Windows 8.

Per approfondimenti consultare la nostra scheda tecnica: | Scheda Tecnica Asus Vivo Tab 8 |

Display

Il display è un IPS da 8 pollici con risoluzione HD da 1280 x 800 pixel ed una densità di 189ppi, con una luminosità di 350nits. Il pannello è di tipo touchscreen con digitalizzatore attivo Wacom, è   reattivo all’uso ed ha una buona velocità di aggiornamento. Buoni gli angoli di visuale e la dimensione degli elementi sul desktop anche dopo aver portato lo zoom al 125% tramite la sezione “Accessibilità”, per gestire più agevolmente l’interfaccia utente. I colori sono tendenti al giallo e molto caldi, ed ha una buona visibilità anche all’aperto. Lo schermo ha una certa propensione a riempirsi di impronte diventando abbastanza riflettente. Il pennino Wacom, è in grado di riconoscere fino a 1024 livelli di pressione, è molto comodo nella gestione del desktop di Windows, ha una grande precisione in tutte le operazioni di gestione dell’interfaccia, ed è un complemento ai movimenti che è possibile fare con le dita; inoltre grazie alla funzione del “palm reject”, è possibile appoggiare sullo schermo il palmo della mano senza incorrere in errori durante le fasi di scrittura. Scrivere direttamente a mano libera sul VivoTab Note 8 è possibile tramite svariati software come One Note e Word, ma è con il software Bamboo-Paper di Wacom che si hanno le maggiori soddisfazioni.

Fotocamera

La fotocamera posteriore come abbiamo detto è da 5 megapixel con auto focus, ma scatta foto di bassa qualità e non ha il flash, quella frontale è da 2 Mp è comoda per le videochiamate, ma è posizionata sul lato corto del Tablet e risulta scomoda da usare se lo usiamo in modalità “landscape”. Queste foto sono state realizzate con la fotocamera posteriore del Vivo Tab Note 8.

Audio

Buono  il comparto audio dell’Asus Vivo Tab Note 8, anzi ottimo! I due altoparlanti posti nella parte posteriore del dispositivo sono potenti quanto basta per godere a pieno del suono, pulito e capace di soddisfare anche i clienti più esigenti. Grazie anche alla funzione Miracast e alla tecnologia Wi-Fi, si possono trasferire i contenuti in wireless su altri dispositivi, come una TV, peccato per l’assenza della porta HDMI.

Batteria

L’autonomia dichiarata dalla casa taiwanese di questo Vivo Tab Note 8, con la batteria integrata  (non removibile) da 4050 mAh – 15 Whr, è di circa 9 ore. Dai test effettuati usando il Tablet per navigare in Wi-Fi con luminosità al massimo, abbiamo raggiunto le 7 ore e 30 minuti, ma sottoponendo l’intero sistema ad uno stress test abbiamo visto scendere l’autonomia a circa 4 ore.

Software

Anche se la stilo Wacom aiuta molto nella gestione dell’interfaccia, le dimensioni ristrette del display, limitano l’uso di Windows 8 quando si usa la modalità desktop. Grazie alle nuove CPU Intel Atom, il sistema non si è mai dimostrato in affanno durante le operazioni più comuni, ed i consumi sono molto ridotti. Le App Metro, si avviano in pochi secondi  e anche i programmi desktop “rispondono” in tempi ragionevoli. Gli unici nei imputabili alla piattaforma, riguardano la disponibilità di soli 2 GB di memoria RAM e lo “storage” interno di 32GB (che scenderà a 14 GB, dopo aver scaricato la”suiteOffice) che sono un pò troppo pochi per un uso “professionale”. E’ necessario acquistare al più presto una scheda microSDXC (per archiviare foto e documenti), ed anche se Asus è riuscita ad ottimizzare Windows 8.1 in modo da renderlo reattivo anche con poco spazio, la capacità di archiviazione è troppo limitata. Il Browser di default è Internet Explorer 11 (fantastico in versione Modern UI), ma è possibile installare il nostro browser di navigazione preferito. In generale la velocità del browser è molto buona ed è possibile aprire diverse schede senza alcun rallentamento; nessun problema anche con i siti che richiedono l’utilizzo di Adobe flash Player. Nella riproduzione dei video in formato mkv, avi, mp4, e mov a 1080p con accelerazione hardware DXVA abilitata, il “carico” sulla CPU è stato inferiore al 15% , mentre un video Full-Hd su Youtube “impegna” il processore al 25%. In una situazione tipica di utilizzo, il consumo della CPU raramente supera il 15% e la memoria RAM non scende mai sotto i 300 MB liberi. Per quanto riguarda i giochi (tipo Asphalt 8), non abbiamo riscontrato nessun tipo di problema durante il loro utilizzo. Ulteriori test, hanno evidenziato che giochi tipo: Starcraft II,World of  Warcraft, FIFA 14 e League of Legends sono perfettamente giocabili. Nella “suiteOffice inclusa, ci sono  programmi come Word, Excel, PowerPoint e One Note in versione completa. Configurando il Tablet con un Account Microsoft è possibile usufruire di 15 Gb di spazio gratuito sul “cloud” One Drive.

Commenti Finali

Uscito sul mercato da quasi un anno, questo ASUS VivoTab Note 8 è un ottima alternativa ai “device” Android e IOS attualmente in commercio, non ha punti deboli e ha tutto quello che si può chiedere ad un Tablet con Windows 8. Grazie all’utilizzo della stilo e alla reattività del display, riesce a sopperire alla dimensione ridotta del desktop di Windows, che aveva destato in noi un certo scetticismo su queste diagonali; rispetto alle altre piattaforme mobili fortemente incentrate sull”utilizzo di App, che permettono una facile gestione degli elementi del display tramite l’interfaccia di tipo “touch”. E’ indubbio che le App Metro di Windows permettono un migliore utilizzo del Tablet, ma il vantaggio di poter gestire le finestra multiple di Windows 8.1 e installare i programmi che normalmente usiamo, rende questa offerta più interessante rispento alla concorrenza. In questi giorni Asus, ha aggiornato questo Tablet con il modello Asus Vivo Tab 8W che ha una nuova CPU Intel Atom Z3745 e Windows 8 with Bing, ma perderà purtroppo il digitalizzatore Wacom.