I ricercatori dell’Università di Washington hanno inventato un cellulare che non richiede l’utilizzo della batteria: questo prototipo non ha quindi bisogno né di cavi né di caricabatterie ed ha praticamete un’autonomia infinita.

“Abbiamo realizzato ciò che crediamo sia il primo cellulare funzionante in grado di consumare energia quasi zero. Per ottenere il minimo consumo necessario per il suo funzionamento, abbiamo dovuto rivoluzionare la progettazione dei cellulari”, ha detto il co-autore Shyam Gollakota, professore associato presso la Paul G. Allen School of Computer Science & Engineering presso l’Università di Washington.

L’incredibile dispositivo ha bisogno solo di qualche milionesimo di watt catturato tramite onde radio e luce solare (grazie alla presenza di minuscole celle solari) per essere in grado di effettuare e ricevere chiamate, trasmettere dati e consentire a chi lo usa di inviare comandi con dei pulsanti. Inoltre è già stata effettuata una telefonata di prova, via Skype, andata a buon fine.

Per poter funzionare correttamente l’innovativo telefonino sfrutta le vibrazioni che si producono nel microfono o negli altoparlanti nel corso di una conversazione, grazie ad un’antenna in grado di convertire i movimenti in segnali radio. La telefonata va eseguita come se fosse un walkie talkie: si può passare dalla modalità “trasmissione” alla modalità “ascolto” premendo un pulsante.

“Il telefonino è il dispositivo da cui dipendiamo di più ai nostri giorni. Se c’è qualcosa che vorremmo utilizzare senza dipendere dalle batterie è proprio il cellulare”, ha commentato il co-autore della ricerca Joshua Smith.

Di seguito un breve video dimostrativo del prototipo: