Quantum Break

Gli sviluppatori Remedy Entertainment, autori di Quantum Break, hanno pianificato di lanciare un importante aggiornamento per il gioco proprio per l’ 1 Maggio. La notizia è risaltata attraverso degli updates apparsi sul profilo ufficiale dei Remedy sulla piattaforma Twitter. Lo stesso Thomas Pua, capo direttore dei Remedy ha ufficializzato la notizia in questi giorni. L’aggiornamento ovviamente sarà disponibile sia su Xbox One e PC.

Lo stesso Thomas Pua ha detto:

“Sia la versione Xbox che quella PC di Quantum Break saranno aggiornate. Al momento stiamo sviluppando lo stesso aggiornamento per far s i che si vadano a migliorare quelle caratteristiche che ancora non rasentavano la perfezione al lancio. Stiamo ancora testando l’aggiornamento dalla settimana scorsa ed abbiamo ancora alcuni bug da risolvere”

Per quanto riguarda i dettagli dell’aggiornamento ancora non sono molto chiari. Infatti, lo stesso Pua ha deciso di non rivelarli. Dal 13 Aprile i Remedy si sono rimboccati le maniche perchè  molti utenti hanno riscontrati alcuni difetti nel gioco. Infatti, gli stessi Remedy lavoreranno affianco ai programmatori della Microsoft per offrire aggiornamenti sempre di altissima qualità. In questo periodo i programmatori della Remedy stanno ponendo molta attenzione al forum ufficiale di Quantum Break dal quale sono riusciti a ricavare molti feedback.

La versione PC di Quantum Break soffre si problemi di stabilità dei fotogrammi. Secondo i Remedy è la più grande lacuna del gioco da quando è stato rilaciato il gioco e adesso stanno lavorando su una soluzione che permetterà di rendere il gioco fluido anche su Windows. Inoltre Quantum Break, dopo lunghe sessioni di gioco, può avere problemi di lentezza di rendering. Secondo i Remedy questo bug è piuttosto raro ma sembra che sia apparso sia su PC equipaggiati con schede Nvidia che con schede AMD. Altro bug della versione PC è la mancanza del bottone “quit”.

Via

CONDIVIDI
Articolo precedenteKing of Fighters! Il picchiaduro SNK ritorna su Playstation 4!
Prossimo articoloMeizu M3: i benchmark confermano le specifiche