Qualcomm

Qualcomm ha annunciato oggi che i processori Snapdragon 600E e 410E per applicazioni embedded sono ora disponibili in molti settori verticali quali digital signage, set-top-box, medical imaging, sistemi point of sales (POS), robotica industriale e altre applicazioni collegate all’Internet of Things (IoT). Qualcomm Technologies ha destinato i suoi investimenti mobile nei processori Snapdragon con l’obiettivo di introdurre soluzioni per categorie di prodotto in aggiunta agli smartphone. Snapdragon 600E e 410E sono disponibili a livello globale presso distributori terzi, inizialmente attraverso Arrow Electronics per un minimo di 10 anni dal primo campionamento commerciale delle famiglie di processori Snapdragon 600 e 400. Questa è la prima volta che processori stand-alone della famiglia Snapdragon sono disponibili presso distributori, rendendoli così accessibili in grandi quantità a produttori di qualsiasi dimensione per prodotti IoT e di embedded computing.

“Snapdragon è un processore potente e versatile in grado di supportare molte potenziali applicazioni nell’ambito dell’Interner of Things e ora siamo in grado di offrire questa tecnologia a un numero di clienti ancora più ampio, con l’ulteriore vantaggio di poter fornire supporto e garantire disponibilità nel lungo termine”, ha dichiarato Raj Talluri, Senior Vice President, Product Management, di Qualcomm Technologies, Inc. “Snapdragon 600E e 410E incorporano alcune delle nostre migliori tecnologie di connettività e di calcolo per indirizzare le esigenze di una vasta gamma di applicazioni embeddedd e IoT”.

“L’introduzione di Snapdragon 600E e 410E offre molteplici opzioni di prodotto”, ha affermato David West, Senior Vice President di Arrow Electronics. “Arrow è entusiasta di fornire processori Qualcomm Snapdragon e di integrarli con i componenti e i servizi di ingegneria che offriamo per aiutare i clienti durante la commercializzazione.”

CONDIVIDI
Articolo precedenteCRM: cos’è e quali sono le sue funzionalità
Prossimo articoloBlackBerry non progetterà nè produrrà più i propri dispositivi