PUBG e il pugno duro contro i cheater: 1.500.000 di ban totali

PUBG e il pugno duro contro i cheater: 1.500.000 di ban totali

PUBG batte i cheater 1.500.000 a 0.

Incredibile a dirsi ma il titolo sparatutto battle-royal che ha stupito milioni di giocatori ha impedito a moltissimi cheater di intralciare l’esperienza di gioco, frustrando i giocatori che invece giocano in modo corretto e regolare. Il profilo Twitter di BattleEye, il sistema di riconoscimento dei cheater, ha rilasciato un aggiornamento in cui si fa riferimento preciso al numero di hacker bannati permanentemente dal gioco: un milione e mezzo.

Un risultato che può sembrare normale ma non lo è affatto: molti giochi, soprattutto quelli in accesso anticipato (come era PUBG fino a poco tempo fa), sono stati letteralmente sovrastati dai cheater che hanno inficiato sulla qualità del gameplay frustrando i giocatori leali che hanno, di conseguenza, abbandonato il titolo.

Il corretto funzionamento delle meccaniche di gioco è tanto importante quanto il far rispettare le regole a tutti, soprattutto per giochi che ancora devono affermarsi e mostrare ai giocatori di essere affidabili.

Complimenti quindi al team di PUBG per l’impegno mostrato nell’impedire ai cheater di disturbare il quieto giocare di tutti, sperando che molte più aziende prendano esempio!

 
Hai trovato questa notizia interessante e vuoi ricevere tutte le news di giornata per posta elettronica? Iscriviti alla newsletter di KeyforWeb.it inserendo qui sotto la tua email: