popcorn time

La storia di Popcorn Time, nota applicazione per lo streaming video di contenuti non propriamente legali, ha avuto il suo epilogo definitivo lasciando il passo ad un progetto legale dal nome Project Butter. In sostanza una versione più leggera di Popcorn Time ovvero priva dei contenuti con diritti mancanti, dunque illegali. L’annuncio è arrivato su Twitter il 23 ottobre direttamente dall’account ufficiale, ringraziando tutti gli utenti che hanno supportato il progetto in tutto il tempo della sua durata.

 

La paura di incorrere in azioni legali e l’arrivo di Netflix, hanno fatto si che si chiudesse definitivamente il progetto, per virare in acque decisamente più sicure. Dopo la brusca frenata avvenuta nel 2014 a causa della pressione da parte della MPAA, il suo creatore si era tirato indietro e Popcorn Time cominciò a biforcarsi in diversi progetti paralleli. Grazie a nuovi team di sviluppo, nati per mantenere il programma e produrre nuove caratteristiche, si arrivò a popcorntime.io che ne raccolse le eredità ed ad BrowserPopcorn che offriva le stesse funzionalità di Popcorn Time nel contesto del browser, senza client da scaricare.

Il nuovo progetto Butter non sarà gestito dal creatore di Popcorn  ma da un nuovo proprietario e avremo una nuova piattaforma che permetterà di visualizzare film e serie tv, ma senza trasmettere contenuti illegali. I file binari di Butter non sono stati ancora resi disponibili, quindi l’applicazione non è al momento installabile degli client degli utenti e non sappiamo ancora quanto bisognerà attendere.

Per dovere di cronaca, ricordiamo che attualmente esiste ancora un altro client di PopCorn Time funzionante e con le stesse caratteristiche, gestito da terzi, raggiungibile all’indirizzo popcorn-time.se anch’esso illegale.