Pokemon GO

Pokemon GO non è solo il tormentone dell’estate nel campo dei videogiochi su smartphone ma sta segnando una vera e propria rivoluzione, tale da spingere molti a trovare sempre nuovi hack e metodi alternativi per garantirsi i premi ed i vantaggi derivanti dal ritrovamento dei mostriciattoli sparsi per il pianeta. Ed ecco perché, sempre più con maggior frequenza, molti utenti si spingono a modifiche di terze parti tramite applicazioni che consentono di derivare altrove il segnale GPS, emulare l’ambiente di gioco su PC e raccogliere Pokemon senza neanche uscire fisicamente da casa. Ninendo e Niantic, responsabili della produzione e distribuzione del gioco, hanno deciso perciò di prendere seri provvedimenti e fornire un ultimatum chiaro e preciso verso tutti coloro che perseverano nella scelta di adottare tali fix.

Giusto in queste ultime ore, infatti, una pagina dedicata mette in luce le motivazioni che portano ad un ban permanente dai server di gioco Pokemon GO:

Il tuo account è stato bloccato permanentemente a causa delle violazioni ai Servizi e Termini di Pokémon GO. Ciò include, ma non è limitato a questo: falsificazione della tua posizione, utilizzo di emulatori, utilizzo di software non ufficiale o modificato e/o accesso a client di Pokémon GO o backend in una modalità non autorizzata incluso attraverso l’uso di software di terze parti. Il nostro obiettivo è quello di offrire una esperienza di gioco corretta, divertente e legittima a ciascuno. Continueremo a lavorare con tutti voi per migliorare la qualità del gioco, inclusa l’ottimizzazione continua e la messa a punto del nostro sistema anti-cheat. Se ritieni che il tuo account sia stato bloccato ingiustamente, puoi appellarti a questa chiusura attraverso questo form. Per motivi di privacy, per favore non pubblicare i ricorsi sui social media.

Il messaggio è chiaro: non cercate di fare i furbi. La decisione è drastica e definitiva e non c’è modo di ritornare indietro nel caso in cui le violazioni siano giustamente provate. Giudicate voi stessi tale decisione.

VIA

CONDIVIDI
Articolo precedenteMicrosoft punta sui Surface: in test 3 PC All-In-One
Prossimo articoloGear VR 2016: partono i pre-ordini su Amazon.com