PlayStation 4

PlayStation 4 ha un nuovo firmware, per adesso in closed beta. Trattasi di <<Musashi>>, il nome in codice della versione 3.50 che promette di introdurre tutta una serie di novità di rilievo, nel tentativo di accrescere il cuore pulsante dell’esperienza online. Gli affinamenti e le correzioni, alla base di qualsivoglia aggiornamento, sembrano infatti cedere il passo a sfruculianti iniziative che Sony riserverà, a partire dalla giornata odierna, a tutti coloro i quali hanno effettuato la registrazione per partecipare ai lavori di test inerenti ai nuovi software di sistema della console PlayStation 4.

Il nuovo firmware mira dunque ad accrescere e migliorare l’esperienza online, anche attraverso migliorie semplici ma tangibili: spicca a tale stregua la possibilità di ricevere notifiche quando gli amici – od alcuni di questi, giacché si potranno selezionare i profili specifici da inserire nella lista – si collegano al PlayStation Network, oppure la nuova modalità non disturbare, che consente di non apparire online ogni qualvolta ci si voglia immergere in sezioni di gioco o di comoda visualizzazione di film senza esser infastiditi da qualcuno.

Ma la novità più importante portata in dote dal nuovo firmware 3.50 per PlayStation 4 è sicuramente <<Remote Play>>, features al momento esclusa dal lotto di implementazioni ma che verrà aggiunta a breve. Trattasi di una caratteristica di non poco rilievo, allorché permetterà di giocare ai titoli in PS4 in streaming su computer, sia con sistema operativo Windows che con Mac. La funzionalità in questione mutua quanto occorso da Microsoft con Xbox One, il cui streaming su Windows 10 è già attivo; nel caso di Sony, invece, viene assicurata una compatibilità ulteriore verso il software di Apple.

Nel pacchetto di novità troviamo infine Dailymotion, nuovo servizio aggiunto di live streaming  che permetterà agli utenti PS4 di accrescere la loro esperienza di trasmissione online dei vari contenuti. Il lancio del firmware 3.50 per PlayStation 4 avverrà quest’oggi, 2 marzo 2016, mentre sono attese novità aggiuntive relativamente alla sua data d’uscita anche per chi non ha partecipato alla closing beta.

via