Secondo l’ultimo studio dell’Ericsson Mobility Report attualmente nel mondo ci sono circa 7,7 miliardi di SIM attive, un numero maggiore rispetto a quello della popolazione mondiale, mentre gli utenti unici sono oltre i 5,3 miliardi.

Tale divario è dovuto al fatto che alcuni clienti dispongono di più di una SIM attiva per usufruire dei vantaggi legati a determinati servizi o perché detengono più di uno smartphone. I primi Paesi a registrare tale impennata sono Cina, India e Indonesia, dove le nuove sottoscrizioni crescono in maniera esponenziale ogni trimestre.

Il report di Ericsson ha fatto emergere che 8 cellulari su 10 venduti nel secondo trimestre 2017 sono smartphone e che nel medesimo periodo gli abbonamento alla rete LTE/4G hanno raggiunto quota 2,4 miliardi, con 260 milioni di nuove sottoscrizioni. Anche le sottoscrizioni della rete 3G (WCDMA/HSPA) hanno registrato un aumento di circa 30 milioni a scapito degli abbonamenti GSM/EDGE che hanno registrato un calo di 170 milioni di unità.

In sintesi, spiega Il Sole 24 Ore, gli abbonamenti alla banda larga mobile sono hanno registrato un incremento di 260 milioni nel secondo trimestre 2017, pari al 25% anno su anno, conquistando 4,8 miliardi di utenti, facendo impennare il traffico internet dalle piattaforme mobile con un incremento del 67% tra il secondo trimestre 2016 e il secondo trimestre 2017.

FONTEIl Sole 24 Ore
CONDIVIDI
Articolo precedenteiPhone 8 sarà presentato la prossima settimana, ma le spedizioni inizieranno in un secondo momento
Prossimo articoloGigaset GS160: recensione dello Smartphone entry-level con sensore di impronte