Dopo il dilagante fenomeno social del Foodporn che sta spopolando in tutto il mondo, un gruppo di studenti di ingegneria informatica ed elettronica del Massachusetts Institute of Technology (Mit) ha sviluppato Pic2Recipe un algoritmo capace di individuare con il 65 percento di accuratezza, il modo in cui è cucinata una pietanza basandosi semplicemente su uno scatto fotografico. Per poter far si che questo algoritmo riesca a predire come sia cucinata una pietanza, gli studiosi del Mit hanno dovuto istruire l’algoritmo con più di un milione di ricette prese da svariati siti web dedicati all’arte culinaria.

Pic2Recipe è ancora in fase di perfezionamento e non è ancora in grado di capire in che modo è stata cucinata la pietanza: se si tratta di pollo al vapore o arrosto, individua che è pollo e cerca di azzeccare la ricetta, analizzando anche gli altri ingredienti nello scatto e poi si confonde ancora quando gli elementi non sono facili da individuare, come nel caso di cibi che presentano più ingredienti mescolati insieme (sushi rolls). Gli sviluppatori del Mit inoltre hanno già permesso a tutti gli utenti curiosi di testare con le “proprie papille gustative” il funzionamento di Pic2Recipe andando semplicemente a caricare l’immagine di un piatto di pasta o di pesce direttamente dal sito. Come detto in precedenza gli sviluppatori stanno ancora lavorando all’algoritmo prefezionandolo ogni giorno con l’intento di arrivare al momento in cui sarà possibile cucinare anche a casa quello che in realtà si sta vedendo in foto.