Parto 2.0

Siamo arrivati al Parto 2.0, al civico di Palermo si controlla il battito cardiaco della partoriente in vasca attraverso smarwatch e smartphone.

L’applicazione chiamata Water Birth, sviluppata su iOS, è stata realizzata da Pharma Mum Italia. Questa, attraverso l’ausilio di Apple Watch, permette alla gestante di registrare l’inizio e la fine di ogni contrazione indicandone l’intensità (alta, media o bassa) attraverso un semplice tap.

Attraverso lo smartphone, il personale medico e l’ostetrico, sono in grado di verificare i parametri più importanti della donna nel momento in cui si trova in vasca. Con l’applicazione, inoltre, è anche possibile ottenere una media delle contrazioni in diversi archi temporali.

Qual è il vantaggio di tutto ciò? La gestante può rimanere in acqua, e beneficiare dei vantaggi che ciò comporta. Fino ad oggi, infatti, il parto in vasca non permetteva di monitorare attraverso il cardiotocografo i diversi valori della partoriente.

La prima città ad adottare il Parto 2.0 in Italia è Palermo. L’unità operativa, in collaborazione con Pharma Mum Italia, permetterà a coloro che desiderano partorire in vasca la possibilità di usufruire di maggiori controlli grazie a queste nuove tecnologie.

La ricerca è ancora in fase di sviluppo, ma al termine l’applicazione verrà pubblicata sull’App Store.

CONDIVIDI
Articolo precedenteTizen App Share appare per dispositivi Samsung sul Play Store
Prossimo articoloiPhone 8, camera anteriore con riconoscimento facciale 3D confermato