E’  primavera e come di consueto iniziamo a guardare lo stato dei nostri giardini edei nostri balconi: compriamo fiori li piantiamo, curiamo e annaffiamo godendo della vista di forme e colori, vero e proprio cibo per l’anima ideale per uscire dall’inverno. In questo periodo iniziano le prime escursioni, le prime gite, i primi seppur brevi allontanamenti da tanta bellezza, finché non giunge l’estate e sempre meno piogge vengono in soccorso delle nostre piante posizionate all’esterno.

Il problema maggiore si presenta per le piante da appartamento: chi ha parenti e amici chiede aiuto a loro, e chi non può o non vuole, come può “nutrire” le proprie amiche silenziose? Grazie all’aiuto della tecnologia e a Parrot, un’azienda la cui attività principe è la creazione di droni. No, non arriva l’acqua trasportata dal cielo – non ancora – ma sembra che l’azienda in questione abbia messo a punto un vaso smart, che eroga l’acqua in maniera autonoma, solo quando necessaria, monitorando lo stato di salute della pianta.

Il vaso si chiama Parrot POT, disponibile in tre colori è acquistabile online andando sul sito dell’azienda francese ad un costo di 149,90 euro: questo vaso intelligente è in materiale plastico ABS e gomma, alto 31,2 centimetri, con un diametro di 20,5 centimetri e un peso che non supera il kilo e mezzo incluse le 4 batterie AA. L’idea innovativa è dovuta  ai molteplici sensori che regolano l’umidità del terriccio, così come la luce e la temperatura dell’aria circostante, l’acqua invece viene mantenuta in un serbatoio da  2,2 litri, ed un app Flower Power installata sullo smartphone iOS e Android, può esserci grazie al modulo Bluetooth 4.0. Inoltre è presente sul bordo superiore un LED di stato bicolore nei colori rosso e verde. Un sistema di innaffiatura dove ognuno può decidere quattro diversi modi applicazione d’innaffiatura:

  • Perfect Drop automatica, che giorno per giorno impara a riconoscere il fabbisogno d’acqua della pianta, regolandosi alle sue richieste
  • Plant Sitter si conforma all’erogazione per la  regola la quantità di acqua per un mese
  • Manuale permette di far partire l’innaffiatura dall’applicazione
  • Custom rende possibile  impostare sia  la frequenza di innaffiatura sia il livello di umidità.

Inoltre l’app Flower Power invia le notifiche relative ai livelli di acqua, umidità e batteria ed è in grado di  gestire fino a 256 POT con un ricco database di oltre 8.000 piante, corredate di informazioni circa le peculiarità delle nostre piante e utilissimi consigli botanici.

FONTEFonte
CONDIVIDI
Articolo precedenteiPhone 7 Plus vs Samsung Galaxy S8 vs Google Pixel vs OnePlus 3T vs LG G6: Speed Test tra i migliori
Prossimo articoloSamsung Galaxy S8, grazie al lettore di impronte CrucialTech sarebbe stato diverso, considerazioni sul nuovo brevetto