Panasonic 3DO

Il periodo tra il 1993 ed il 1995 è stato di grandissimo fermento per il mondo dei videogiochi. In quell’epoca si stava sancendo quel delicatissimo passaggio dai 16 ai 32bit che avrebbe cambiato per sempre la storia. Infatti, proprio in quel periodo i supporti su CD e la grafica 3D si stavano diffondendo sempre più in un mondo fatto di console che funzionavano a cartucce e migliaia di giochi platform bidimensionali.

Tra le varie console, ce ne fu una che ebbe purtroppo poca fortuna, ovvero il Panasonic 3DO. Mentre la Nintendo aveva lasciato da parte il progetto “Playstation” che venne rivenduto alla Sony, mentre la Sega stava per lanciare sul mercato il Sega CD, un’altra sfortunata rivale si stava affacciando nel mondo videoludico. Il Sig Trip Hawkins, uno dei fondatori della Electronic Arts, ebbe in mente di rilasciare una potentissima e avveniristica console a 32 bit dotata di lettore CD.

La 3D0 sfornò giochi di grande qualità come il primo Need For Speed, gioco di corse da una grafica tridimensionale mai vista prima. Questo gioco ci permetteva di  guidare le più grandi supercar dell’epoca. Altro gioco molto interessante fu Crash N’ Burn, gioco arcade futuristico ambientato nell’anno 2044. Inoltre il 3D0 permetteva di leggere i film su CD a tutto schermo con una qualità superiore ai vecchi VHS.

Purtroppo questa console venne fermata dal prezzo alquanto proibitivo, ovvero 700 dollari del 1993! La console era troppo costosa ed avveniristica per l’epoca. Questa uscì troppo presto sul mercato quando ancora il pubblico non era abituato a questo genere di cose. Si tratta di una delle console più sfortunate della storia videoludica.

CONDIVIDI
Articolo precedenteLa batteria iPhone SE è maggiore di iPhone 5S
Prossimo articoloL’FBI ha sbloccato altri due dispositivi iOS