OnePlus 3T/3, nuovo aggiornamento Oreo corregge i problemi

OnePlus 3T/3, nuovo aggiornamento Oreo corregge i problemi

In attesa dell’ufficialità del secondo smartphone del 2017, OnePlus continua a lavorare alacremente sull’aggiornamento ad Android 8.0 Oreo per OnePlus 3T e OnePlus 3. Il produttore cinese si è dimostrato tutto sommato celere nel distribuire – seppure in una preliminare fase beta – l’ultima versione del sistema operativo mobile di Google, focalizzando soprattutto l’attenzione sui dispositivi commercializzati nel 2016. E così, dopo il rilascio del primo software, OnePlus ha provveduto a migliorare l’attuale programma OxygenOS Oreo Open Beta con un secondo firmware correttivo.

Chiaramente siamo ben lontani dalle novità o dalle aggiunte sostanziali, dal momento che il lavoro della società con base operativa a Shenzhen è più che altro rivolto verso una risoluzione totale di alcune problematiche riscontrate (e segnalate dagli utenti) nella versione precedente. Il software beta numero 17 è insomma protagonista di un lungo e corposo novero di miglioramenti, come recita d’altronde il changelog ufficiale a contorno dell’aggiornamento.

I possessori di OnePlus 3T e OnePlus 3 potranno insomma sperimentare un affinamento alla connettività WiFi e dati (adesso più potente e stabile), alle prestazioni del tag NFC, ad una maggiore stabilità della modalità picture-in-picture (per inciso una delle grandi novità messe sul piatto da Android 8.0 Oreo) e, soprattutto, l’archiviazione di una delle storture lamentate a più riprese dagli utenti: l’aumento della temperatura dello smartphone in determinate circostanze. Presente altresì l’app Feedback, sparita con la versione precedente.

Altre correzioni includono l’archiviazione di un problema trovato nella funzionalità del launcher ed inerente, nello specifico, le notifiche Dots, ma anche lo strano comportamento dell’ambient display e l’eliminazione totale di alcuni riavvii sporadici. Insomma, un software sicuramente più maturo, benché ancora chiaramente beta e, dunque, ancorato ad una fase di testing e non pronto all’uso di tutti giorni. OnePlus continuerà ad ogni modo ad affinare ulteriormente il firmware, e a tale stregua sono due le problematiche attualmente al vaglio da parte dell’azienda: il comportamento delle impronte digitali (il cui sblocco è inspiegabilmente lento alle volte) e il non funzionamento di alcune applicazioni di terze parti.

I possessori di OnePlus 3 e OnePlus 3T che hanno già installato OxygenOS Oreo Open Beta vedranno in queste ultime ore un nuovo aggiornamento via OTA (Over The Air), mentre gli altri dovranno preliminarmente aderire al programma qualora volessero testare le novità portate in dote da Android 8.0.

 
Hai trovato questa notizia interessante e vuoi ricevere tutte le news di giornata per posta elettronica? Iscriviti alla newsletter di KeyforWeb.it inserendo qui sotto la tua email: