Obsolescenza programmata da parte di Apple? Gli ultimi test su iOS mostrerebbero il contrario

Obsolescenza programmata da parte di Apple? Gli ultimi test su iOS mostrerebbero il contrario

Avete mai sentito parlare dell’obsolescenza programmata? Si tratta di una strategia industriale che andrebbe applicata ai prodotti, in questo caso parliamo di Apple, mirata a determinare la durata di un determinato dispositivo. Il prodotto diventa così inutilizzabile dopo n certo periodo di tempo prefissato costringendo i consumatori a comprare il “nuovo modello”.

Apple non sta rallentando i suoi dispositivi con le ultime versioni di iOS

Sicuramente anche a voi sarà capitato di aver utilizzato un prodotto fino ad un determinato momento e poi all’improvviso vi si è rotto tra le mani. Che sia uno smartphone, un tablet, un PC, un asciugacapelli, questa strategia può essere applicata dovunque. Nel caso degli smartphone però basterebbe un aggiornamento per limitarne le prestazioni. E’ quello che gli utenti accusano ad Apple visto che al rilascio di una nuova versione di iOS la chiave di ricerca “iPhone lento” balza letteralmente alle stelle

A fare chiarezza interviene Futuremark, un’azienda che fornisce test di benchmark che ha testato oltre 100.000 iPhone dai più vecchi ai più nuovi per capire se realmente Apple sta cercando di rallentare i suoi prodotti più vecchi. Curioso studiare il caso di iPhone 5S, praticamente l’iPhone più vecchio su cui è possibile installare l’ultima Major Release del sistema operativo. Le sue performance lato CPU/GPU non sono cambiate di una virgola, almeno è quello che ha evidenziato il test. Non possiamo quindi parlare di Obsolescenza programmata in questo caso.

[trovaprezzi prodotto=’iPhone 5S’]