Nuova vita agli eeePC grazie a Windows 10

Nuova vita agli eeePC grazie a Windows 10

Windows 10 funziona su schermi con risoluzione inferiore rispetto alla classica 1024 x 768, requisito minino per i dispositivi con Windows 8.

Microsoft ha introdotto un requisito minimo inferiore per la risoluzione dello schermo in Windows 10. In contrasto con Windows 8, Windows 10 Technical Preview (di conseguenza anche la versione finale) potrà essere installato su un netbook con uno schermo a bassa risoluzione, dove Windows 8 non riusciva causa la risoluzione troppo bassa del dispositivo.

Questo vuol dire che tutti gli eeePC, che avevano avuto un boom di vendite negli anni scorsi ed ora messi da parte per la loro lentezza, potrebbero ricevere nuova vita grazie alla possibilità di installare Windows 10.

I test effettuati dal sito Winfuture, dichiarano quanto accennato: Windows 10; la Technical Preview di Windows 10 è stata installata senza problemi su un Samsung N150 netbook con una risoluzione dello schermo di 1024 x 600. Su Windows 8 questo era impossibile, perché il sistema operativo richiede una risoluzione minima verticale di 768 pixel. In Windows 10 la risoluzione più bassa funziona bene, tuttavia Microsoft indica nelle impostazioni che la bassa risoluzione potrebbe causare problemi.

Ad ogni modo, anche con la bassa risoluzione, le applicazioni possono essere affiancate e usare la barra di scorrimento quando la risoluzione verticale non è sufficiente. Ricordiamo che il Samsung N150 utilizzato ha diversi anni, una CPU Intel Atom N450 accompagnato da 1GB di RAM DDR2, e Windows 10 gira abbastanza bene.

Microsoft potrebbe aver abbassato la risoluzione minima per consentire ai produttori di dispositivi di costruire tablet e netbook più economici per consentire al nuovo sistema operativo di prendere subito piede anche in dispositivi meno performanti.

Cosa aspettate, provate anche voi Windows 10 sui vostri eeePC.