Samsung Galaxy Note 4

Malgrado i suoi tre anni alle spalle, Note 4 sembra non voler rinunciare a nuovi aggiornamenti software. Il supporto ufficiale da parte di Samsung è pressoché concluso, ma questo non esclude la distribuzione di update correttivi e pronti a migliorare punti chiave come la sicurezza. Riprova è che il produttore di Seoul sta continuando ad aggiornare il suo ex phablet di punta impreziosito dalla S-Pen, e dopo l’approdo sul mercato delle patch Android di maggio è adesso la volta di quelle di giugno, già presenti su alcuni terminali assai più recenti.

La speranza è che macroscopici errori come quelli commessi ad aprile scorso non possano più ripetersi (ne sanno qualcosa alcuni possessori di Note 4, che con il firmware XXS1DQC3 hanno lamentato riavvi spontanei, problematiche di connettività e riduzione dell’autonomia), anche se in questo caso Samsung ha promesso migliorie su alcuni comparti. Il nuovo firmware N910FXXS1DQF3, attualmente in distribuzione nei riguardi del mercato olandese, porta in dote un peso specifico di ben 343,31 megabyte: tanto basta per implementare le ultime patch di sicurezza Android di giugno e, soprattutto, <<una gestione migliore di memoria per prestazioni migliorate>> e <<ulteriori affinamenti sulla durata della batteria>>, come recita inequivocabilmente il changelog ufficiale a contorno dell’aggiornamento.

L’update non è ancora in corso di distribuzione in Italia ma verosimilmente lo sarà a partire dalle prossime settimane: i possessori potranno tuttavia controllare la presenza di nuovi aggiornamenti software in modo manuale. Note 4 continua insomma ad aggiornarsi, in attesa del cambio della guardia targato Note 8: il cinque non è infatti mai approdato ufficialmente in Italia, mentre il sette è rimasto avvinto nella sua preliminare fase di pre-ordini, prima di congedarsi dal mercato a seguito delle problematiche ormai conosciutissime.

VIAGalaxyClub.nl
CONDIVIDI
Articolo precedenteLe ultime novità di Infinity per luglio
Prossimo articoloMike Ybarra: “Se il prezzo di Xbox One X fosse stato 399$ non avrebbe supportato il 4K nativo”