mongoose

Da tempo circolano diverse indiscrezioni su un nuovo processore Exynos in fase di progettazione da parte di Samsung per i futuri smartphone e tablet in arrivo nel 2016 ed oggi, un benchmark trapelato in rete, mostra le incredibili prestazioni in grado di fornire questo nuovo SoC Samsung, il cui nome in codice è Mongoose (mangusta).

Seguendo quanto già fatto da Qualcomm ed Apple, anche Samsung ha deciso di sviluppare CPU con core in grado di fornire migliori prestazioni con un particolare occhio di riguardo nei confronti dell’efficienza e dei consumi rispetto al passato, come dimostrano le immagini pubblicate alcune ore fa su Weibo.

mongoose

Attraverso queste immagini è possibile notare come il nuovo processore Mongoose, con una frequenza impostata a 2.3GHz, sia stato in grado di fornire risultati da record con il benchmark Geekbench, con un punteggio di 2.294 punti nel test single-thread e ben 6.908 punti in quello multi-thread. Addirittura anche impostando la frequenza di clock in modalità risparmio energetico, il nuovo Mongoose è riuscito ad ottenere ottimi risultati, con 1.710 punti nei test single-thread e ben 4.896 punti in quello multi-thread. Impostando poi il processore in Modalità Ultra Risparmio Energetico, i risultati sono scesi rispettivamente a 1.100 punti e 3.209 punti per i test single-thread e multi-thread.

mongoose

I risultati dimostrano come Samsung sia sulla buona strada per lo sviluppo di questo nuovo processore Mongoose, visti i netti miglioramenti rispetto ai benchmark già trapelati in passato e soprattutto confrontando i punteggi ottenuti con i diretti concorrenti: il nuovo SoC Apple A9 ad esempio, considerato tra i più veloci processori mobile attualmente presenti sul mercato,  ha ottenuto un punteggio di 2.487 punti nel test single-thread, fermandosi a 4.330 punti in quello multi-thread. 

Il nuovo processore Samsung Mongoose è quindi già in grado di superare in velocità il nuovo SoC a bordo di iPhone 6S ed iPhone 6S Plus, il tutto considerando che mancano ancora diversi mesi prima dell’arrivo sul mercato, tempo che  sicuramente sarà utilizzato da Samsung per migliorare anche maggiormente le prestazioni di questo processore da record.

Via